I 5 consigli per una corretta conservazione del cibo

M-Barro-2959La morsa del caldo non accenna a diminuire e rende davvero difficile conservare al meglio gli alimenti. Anche i prodotti freschi, appena raccolti, infatti, di fronte a queste ondate di caldo estremo e persistente sono messi a dura prova.

Impossibile rinunciare al frigorifero! In questo periodo anche la frutta è meglio conservarla a bassa temperatura, altrimenti rischia di marcire subito.

Ci sono piccoli accorgimenti necessari di cui tenere conto per conservare nel modo migliore gli alimenti all’interno del frigorifero, per gestire la spesa con consapevolezza e rispetto del cibo.

Ecco un breve vademecum:

  1. Non lavare frutta e verdura prima di metterla in frigo: l’aumento di umidità favorisce la crescita di muffe e batteri. L’ideale è conservare gli alimenti all’interno di sacchetti di carta o in foglio di giornale.  Evitate la plastica che fa condensa e agevola i marciumi.
  2. Quando possibile, riponete il cibo in contenitori puliti e chiusi ermeticamente.
  3. Un consiglio utile può essere quello di evitare contaminazioni di microrganismi, tenendo separati gli alimenti crudi da quelli cotti.
  4. Usare correttamente gli scomparti del frigorifero:
    – Il pesce e la carne, ad esempio, devono essere conservati nello scompartimento più freddo, quello subito sopra il cassetto delle verdure (2-4°C).
    – Gli scomparti centrali e alti, che mantengono temperature medie (5-8°C), sono invece più adatti alla conservazione di latticini, uova e dolci a base di creme.
    – La cassettiera può essere destinata alla verdurada frigo (10°C).
    Burro, bibite o comunque alimenti che non necessitano di basse temperature possono essere riposti nelle mensole laterali (8-10°C).
  5. Per evitare la formazione di muffe in vasetti e conserve, pulite bene il bordo e il tappo dei vasetti una volta aperti, chiudendoli con cura.

E voi? Quali trucchi adottate per conservare al meglio gli alimenti? Avete suggerimenti?