La Nicchia di Pantelleria

La storia dell’azienda La Nicchia è la storia di un’isola in mezzo al mare, lontano da tutto e da tutti, di una terra eccezionale capace di stupire con prodotti e testimonianze di forte unicità. Questo territorio è Pantelleria, l’avamposto più a sud del nostro paese, dove l’agricoltura dialoga a più non posso con il sole e la luce. Capperi e uva sono le produzioni rappresentative, interpretate con fedeltà alla tradizione e entusiasmo creativo dai protagonisti da Gabriele Lasagni e il suo staff.

I prodotti di questa azienda sono una vera esplosione di gusto per il palato, eccone un assaggio…

Capperi in olio extravergine

A Pantelleria questo singolare arbusto vive in simbiosi con la sua terra e non è un caso se qui si raccoglie la versione più buona e apprezzata al mondo dei capperi.

Cucunci in olio extravergine

Ecco i cucunci, ovvero il frutto del cappero, dalla consistenza croccante e originale, ideale da gustare o come decoro di piatti e insalate.

Salsa di capperi e acciughe

Questa salsa è ottenuta partendo dai capperi di propria produzione, trasformati in crema insaporita di acciughe. Ottimo su un crostino o sulla pizza.

Non dirci che non ti è venuta voglia di visitare Pantelleria e gustare un’insalatona di fronte al mare…

Allenati con gusto!

Qualunque sportivo, professionista e non, sa che quando si pratica attività fisica l’alimentazione è fondamentale, soprattutto i pasti che precedono e seguono gli allenamenti sono strettamente connessi con il buon risultato della sessione di workout e con la capacità di recuperare velocemente le forze.

Ecco una breve lista di consigli utili sugli alimenti più indicati per fornire l’apporto proteico necessario ad affrontare gli allenamenti con la giusta carica di energie e in qualunque momento della giornata.

Per quelli che: il mattino ha l’oro in bocca.
Per chi ama dare il via alla giornata con un po’ di movimento, è fondamentale approcciare l’allenamento con la giusta quantità di energia e mai a stomaco vuoto! Fare colazione almeno mezz’ora prima dell’attività fisica, con fette biscottate e marmellata o cereali, yogurt e frutta, è il modo migliore per cominciare la giornata.

Pausa pranzo sportiva.
Chi lavora full time spesso preferisce ottimizzare il tempo a disposizione e fare esercizio fisico durante la pausa pranzo. In questo caso però è molto importante fare un pasto leggero a base di proteine e carboidrati almeno un’ora e mezza prima dell’attività sportiva. Un panino con prosciutto crudo può essere una gustosa soluzione, mentre chi presta particolare attenzione alla linea, può optare per riso integrale con verdure, accompagnati da  una porzione di formaggio.

Staccare la spina.
Concludere la giornata con un po’ di fatica e sudore, per staccare totalmente dalla frenesia del lavoro. Per chi preferisce fare sport la sera, è consigliabile uno spuntino a metà pomeriggio con una banana, frutta secca o barrette energetiche, ad esempio, che apportano la giusta dose di calorie e successivamente cenare con un pasto leggero, che dovrebbe essere consumato un paio d’ore prima di andare a dormire, a base di carne o pesce, accompagnati da verdure e occasionalmente formaggi. In alternativa, un piatto di pasta, riso, orzo o farro con abbondante verdura, evitando i grassi.

Il riposo del guerriero.

Al termine di ogni allenamento, indipendentemente dal momento in cui si preferisce farlo, che sia in palestra o all’aria aperta, la parola d’ordine è reintegrare. Recuperare i liquidi persi con la sudorazione, bevendo acqua a intervalli regolari e a piccoli sorsi e favorire la ricostituzione di zuccheri attraverso l’assunzione di carboidrati. Infine, una dieta equilibrata, soprattutto per chi conduce una vita dinamica e pratica sport abitualmente, deve comprendere 5 pasti al giorno con spuntini a base di frutta, integrati dall’assunzione di molti liquidi, incluse anche tisane calde o fredde, in base alla stagione e succhi di frutta senza zuccheri aggiunti.

Non ci resta che augurarti buon allenamento!

La Sardegna su Cortilia

La Sardegna non è solo acqua cristallina e paesaggi mozzafiato, ma anche tradizione in cucina a portata di click su Cortilia!

Siamo a Fonni, nell’entroterra nuorese, è qui che sorge Tipico, un’azienda dalla lunga tradizione che ha fatto del savoiardone il suo cavallo di battaglia! Si tratta di una savoiardo molto grande, gustoso e morbidissimo, ideale da mangiare a colazione o meglio ancora, per fare il tiramisù.

Non solo dolci, su Cortilia puoi trovare anche la pasta secca.. hai mai provato la fregola?
La fregola è una preparazione tipica affidata alla cultura popolare di valorizzare delle poche ed essenziali materie prime a disposizione. In questo caso, a partire dalla semola di grano duro impastata con l’acqua, si ottengono queste piccole palline irregolari, al pari di un grande e grossolano cous cous, che vengono poi fatte tostare e seccare. La loro preparazione è associata al celebre accoppiamento con le arselle e un tocco di bottarga.

E ancora, la cultura gastronomica sarda trova nelle radici popolari e nella semplicità di poche ed essenziali materie prime, il suo massimo splendore. I malloreddus ne sono la prova. Si tratta di piccoli gnocchetti di pasta secca di grano duro, dalla forma rappresentativa, ottimi con i più svariati condimenti.

Non poteva certo mancare nella nostra carrellata dei delizie sarde il mitico pane guttiau, altro simbolo dell’ampia cultura gastronomica della Sardegna. Nient’altro è che il cugino nobile del pane carasau, arricchito da un filo d’olio extravergine che garantisce più croccantenza e sapore.

Se avrai la fortuna di provare queste specialità durante le vacanze in Sardegna siamo sicuri che ti conquisteranno, in caso contrario te le porterà Cortilia direttamente a casa tua!

Scopri l’intera gamma: clicca qui

A spasso per l’Italia gustando i migliori extravergini

Abbiamo selezionato i migliori oli extravergini provenienti da diverse regioni d’Italia: dalla sponda bresciana del Lago di Garda, passando per Liguria,Toscana, Marche e Abruzzo, fino ad arrivare alla Calabria e Sicilia.  Eccone un assaggio…

Olio extravergine BIO IGP Toscano

Memento è il nome scelto dall’azienda Le Betulle per ricordare l’antica cultura etrusca che in questo angolo dell’entroterra livornese ha lasciato il segno. L’olivo è una delle prove di questo legame con la storia, qui proposto in chiave moderna, ma seguendo la tradizione contadina. Le olive delle varietà leccino, frantoio e pendolino sono di produzione aziendale, coltivate secondo i dettami dell’agricoltura biologica e frante nel pieno rispetto dell’integrità del frutto. Un olio di grande eleganza, profondo e con quella sua piacevolissima pungenza che lo rende perfetto per esaltare ogni piatto.

Olio extravergine d’oliva BIO

L’extravergine d’oliva, ben diverso dall’olio d’oliva o da tutti i derivati, è il risultato dalla sola pressatura meccanica delle olive. Nessun solvente, nessuna operazione di disacidificazione, correzione o quant’altro. Ovviamente a definire la qualità di un buon extravergine sono le olive di partenza.
L’Olio Vulcano, di colore giallo-verde, deriva dalla miscela di diverse cultivar di varietà d’olive 100% coltivate in azienda.
La struttura forte e il carattere ben definito lo rendono perfetto per condire tutti i vostri piatti e ritrovare il sapore della campagna soleggiata calabrese.

Olio extravergine di olive Taggiasca BIO

Essenza pura della cultura delle colline e dei terrazzi dell’entroterra ligure, questo olio è un capolavoro di eleganza. E’ prodotto con sole olive taggiasche BIO, la varietà in assoluto più rappresentativa della regione che regala oli profumati, delicati e freschi.

Olio extravergine d’oliva BIO

Valdibella è un’azienda a ciclo chiuso in cui il concetto di agricoltura si sposa con quello di qualità, paesaggio, etica ed estetica. In tutto questo l’olio non poteva non avere la sua parte. Ecco l’oro verde firmato dalla cooperativa, a partire unicamente dalle olive di proprietà. Ottimo, fruttato al punto giusto, testimone illustre della grande tradizione olivicola siciliana.

Per scoprire tutta la gamma clicca qui

Quiz sul cibo: vi sveliamo le risposte corrette!

Sei preparato in materia di cibo? Come promesso, ecco le risposte corrette al nostro quiz.
Come te la sei cavata? Scoprilo subito!

STAGIONALITÀ
Qual è il periodo ideale per consumare i peperoni?
Tra febbraio e aprile
Tra marzo e giugno
Tra agosto e ottobre
Tra novembre e gennaio

Qual è il mese in cui si raccolgono i primi fichi? 
Gennaio
Marzo
Agosto
Ottobre

In quale stagione è possibile trovare le fave su Cortilia?
Primavera
Estate
Autunno
Inverno

PROPRIETÀ NUTRIZIONALI DI FRUTTA E VERDURA
Quale tra i seguenti frutti ha il più basso contenuto di zuccheri?
Pere
Fichi
Lamponi
Banane

Cos’è il bulgur?
Una vitamina contenuta nella frutta tropicale
Un tipo di frumento
La proteina tipica dei fagioli
Un tipo di sali minerali contenuti nella verdura a foglia verde

Quale sostanza aromatica conferisce ai carciofi il loro caratteristico sapore?
Cumarina
Chianolina
Cinarina
Linalolo

CIBI E PROVENIENZA
Il Pannerone è un formaggio tipico 

Lombardo
Pugliese
Sardo
Toscano

Quale fra quelli indicati è un bovino 
Limousine
Bentley
Aston
Martin
Rolls­Royce

Quale fra quelle indicate non è una mela
Stark
Cancians
Morgenduft
Granny Smith

Il Montebore é
Un vino
Un formaggio
Una territorio a forte vocazione agricola
Una spezia

Il timorasso è un vino
Abruzzese
Veneto
Piemontese
Lombardo

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato al quiz 🙂

Un sano detox incomincia da frutta e verdura!

Avere una dieta sana ed equilibrata è una buona regola da seguire tutto l’anno, ma è proprio in questi giorni che inizia per molti la preparazione all’estate.

Questo, infatti, è proprio il momento giusto per riprendersi in mano e avere cura della proprio persona, magari seguendo per un periodo una dieta disintossicante. E per dieta non si intende certo una semplice dieta dimagrante ipocalorica, ma piuttosto un regime alimentare che abbia lo scopo di depurare il nostro corpo e disintossicarlo.

IMG_0087

Sono poche e semplici le regole da seguire, la prima delle quali è portare in tavola cibi ad alto potere disintossicante e drenante. Via libera, dunque, a tanta acqua e, soprattutto, frutta e verdura fresche di stagione.

Cosa Sì: cipolle (dall’azione drenante, oltre che stimolante del sistema immunitario…perfetta contro il raffreddore!) verdure a foglia verde (aumentano i livelli di clorofilla nel tratto digestivo, facilitando l’organismo a liberarsi dalle tossine ambientali come smog e diserbanti), limone (depurativo, drenante, perfetto per combattere l’acidosi: una condizione di ph del sangue alterato (troppo acido) frequente dopo periodi di eccessi alimentari e stress), thè verde, curcuma e zenzero

Cosa NO: caffè, alcol, carne rossa, grassi animali, farine bianche raffinate, alimenti sott’olio o cibi già pronti, zucchero e dolcificanti.

Ed ecco, dunque, le 5 regole per raggiungere depurarsi e raggiungere il massimo del benessere:

  • Bere molta acqua, anche 2 lt al giorno, anticipando la sensazione di sete. Via libera a infusi di erbe, thè verde e tisane drenanti (betulla, finocchio, equiseto, tarassaco).
  • Preferire sempre i cereali integrali, ricchi di fibre, aiutano la regolarità intestinale.
  • Evitare di salare gli alimenti: preferire spezie e erbe aromatiche. Utilizzarle in cucina è facile, basta abituare il gusto a sapori diversi.
  • Non saltare i pasti. Una buona regola può essere quella di ridurre le porzioni, ma non bisogna mai saltare i pasti.
  • Muoversi! L’attività fisica, praticata con regolarità, è sempre molto salutare per il nostro organismo: basta una camminata di almeno un’ora tutti i giorni per aiutare il corpo a eliminare più velocemente le tossine.

E se ancora questi consigli non sono sufficienti…c’è Cortilia che pensa a voi!
Proprio per “facilitare” i buoni propositi di rimettersi in forma e mangiare leggero, abbiamo pensato a 5 kit, perfetti per iniziare una dieta disintossicante.

Eccone un assaggio…

KIT DRENANTE

kit drenante

KIT ENERGIZZANTE

kit energizzante

Per scoprire tutti i kit clicca qui

Primavera: cosa mangiare per rispettare i ritmi della stagionalità

Le giornate si allungano e le nostre tavole si colorano: questo è il più chiaro segnale che finalmente è arrivata la tanto attesa primavera.
Volgendo l’occhio ai prodotti agricoli, vediamo le nostre campagne ricche di novità, anche se tanto deve ancora arrivare (chi di voi non è impaziente di gustare le ciliegie? Noi lo siamo!)

Come molti di voi sanno, per aiutarci a rispettate i ritmi della stagione anche a tavola, abbiamo pensato a uno strumento utile e simpatico che tutti possono tenere in cucina: la fisarmonica della stagioni, un volantino che aiuta a orientarsi e consumare  i prodotti che le nostre campagne ci offrono!

Ma cosa dice la fisarmonica?

fisarmonica2R

Ecco finalmente le fragole, gli asparagi,  le zucchine,  i piselli, le fave, i bruscandoli, il cicorino da taglio e tanto altro. Per semplificare abbiamo raccolto qui tutte le new entry primaverili!

Archiviato il periodo di cavoli e verdura  da consumare stracotte e calde fumanti, ora è la volta di tarassaco, erbette, dei famosi e rari agretti – conosciuti anche come barba dei frati, del cicorino e della borragine. La primavera è anche la stagione dei germogli e delle prime insalatine, quelle tenere, fresche e gustose.

Ma per i nostalgici dei frutti invernali, non dimentichiamo che siamo all’inizio della stagione, quindi per un po’ ci guideranno nel cambio di stagione le ultime arance i carciofi e le mele.

Per gli amanti dei fornelli ecco una selezione delle ultimissime ricette di stagione:

Crostoni con piselli e prosciutto

piselli rid (4 di 4)

Spaghetti con crema di avocado

riridotte (18 di 18)

Tiramisù di yogurt alle fragole 

tiramisu rid (3 di 4)