MARIO GASBARRINO ENTRA NEL CDA CORTILIA

Un nuovo passo verso la crescita e lo sviluppo strategico, con l’ingresso nel nostro consiglio di amministrazione di Mario Gasbarrino, un manager di grande esperienza e carisma nel mondo della Grande Distribuzione italiana. Dopo il round di finanziamento da 8,5 Milioni di euro annunciato lo scorso settembre, continuiamo a crescere con una visione sempre più omnicanale.

Mario Gasbarrino, laureato in matematica, ha un’esperienza pluridecennale nella grande distribuzione; ha lavorato per Gruppo GS, Sigros, Rinascente e, dal 2006 fino a settembre 2019, in Unes come presidente e amministratore delegato. In questa ultima esperienza, il manager molisano ha affermato il suo pensare visionario, rivoluzionando il mercato della GDO italiana con la trasformazione di U2 Supermercato nel “Supermercato Controcorrente” raddoppiando il fatturato da 500 milioni di euro a 1.007 milioni. A Gasbarrino si deve anche la prima alleanza con Amazon Prime Now nella Gdo italiana. Curioso, ma soprattutto innovatore, nel 2015 Mario Gasbarrino lancia il primo temporary store di una private label, iniziando così quel processo di crescita che ha portato il Viaggiator Goloso al successo.

Oggi Gasbarrino entra in Cortilia con l’obiettivo di supportare il percorso verso la multicanalità e lo sviluppo dell’offerta, mantenendo il nostro distintivo posizionamento di e-commerce di prodotti freschi a filiera corta.

Commenta Mario Gasbarrino: “da quando ho potuto, non ho mai scelto a caso le Aziende con le quali collaborare. Sono onorato ed orgoglioso di entrare nel CDA di Cortilia perché, nonostante avessi dichiarato di non voler più interessarmi di retail, sono convinto che, con l’ingresso in Cortilia, sto mettendo un piede nel retail di domani, ovvero nel futuro”.

“È da tempo che condivido con Mario una visione dell’evoluzione della distribuzione alimentare: semplice, efficiente, sostenibile, esperienziale ed omnicanale” – continua Marco Porcaro CEO e Founder di Cortilia – Sono ora molto contento che si siano create le condizioni per collaborare insieme nello sviluppo strategico di Cortilia. L’esperienza e l’umanità di Mario saranno un grande valore per me e il mio Team per poter raggiungere gli obiettivi sempre più ambiziosi che ci siamo dati, per innovare nel mondo della distribuzione alimentare valorizzando le produzioni di qualità del nostro territorio, in uno scenario competitivo e di domanda in rapidissima evoluzione.”

Come organizzare gli alimenti in freezer

Il freezer è ormai un elettrodomestico irrinunciabile, che permette di prolungare la conservazione degli alimenti in modo facile e sicuro. Presente in tutte le cucine, non sempre è organizzato nel modo migliore per preservare qualità e salubrità dei prodotti. Occorre premettere che le basse temperature non sono sinonimo di sterilità: i microrganismi che degradano il cibo sono “dormienti” nelle condizioni ambientali del freezer che ne limita lo sviluppo, ma pur sempre presenti. Abbiamo quindi definito cosa fare per organizzare questo elettrodomestico così da gustare al meglio e in tutta sicurezza gli alimenti congelati. 

Preparare il freezer

Cominciamo dal freezer vuoto. Come prima cosa deve essere pulito. La pulizia periodica del freezer è importantissima: ogni 4/5 mesi va svuotato, sbrinato e pulito bene con uno sgrassatore ecologico con tensioattivi naturali.

Ogni mese invece si può controllare velocemente il contenuto dei cassetti, in modo da capire se c’è qualche prodotto da consumare a breve.

Riempiamo quindi il freezer. Tra i contenitori più comodi per conservare i cibi in freezer ci sono i sacchetti appositi in mater-bi, compostabili e biodegradabili, e resistenti come quelli tradizionali. Se scegliamo i contenitori riutilizzabili in plastica, facciamo attenzione a non riempirli troppo: con il freddo, l’acqua all’interno degli alimenti tenderà ad espandersi, incrinando o rompendo il contenitore. 

È fondamentale etichettare il cibo, indicando cosa contiene il sacchetto e quando è stato congelato. Nel giro di qualche settimana ci si dimentica cosa contengono con precisione i vari contenitori… per cui vale la pena scriverlo, magari usando delle  etichette adesive o dello scotch di carta!

Cosa si può congelare?

La lista di quel che si può congelare è lunghissima: liquidi, ortaggi e frutta, pasta fresca, ingredienti crudi, alimenti già cotti, avanzi e piatti pronti. Andiamo con ordine.

Liquidi

Dal latte al brodo già pronto, facendo attenzione ai contenitori perchè l’acqua aumenta di volume con il congelamento. Il brodo è un ottimo esempio. Per averlo sempre pronto e a portata di mano possiamo congelarlo nelle vaschette per il ghiaccio, in modo che sia già porzionato.

Ingredienti crudi

Se invece vogliamo creare una piccola scorta di soffritto, basterà tritare finemente carote, sedano e cipolla nella proporzione che preferiamo, riempire la vaschetta per il ghiaccio con questo trito e congelare. Una volta solidificati, ci basterà trasferire i cubetti ottenuti in un sacchetto per freezer per avere delle monoporzioni di soffritto comodissime da usare anche se non si trovano gli ingredienti freschi!

Le verdure verdi si possono congelare senza problemi ma è consigliabile sbianchirle. Si tratta di una scottatura in acqua, molto utile perchè distrugge buona parte dei microrganismi e degli enzimi che causano l’imbrunimento della maggior parte degli ortaggi e la loro veloce degradazione. Per sbianchire le verdure, le immergiamo in acqua bollente a pentola scoperta e, non appena l’acqua riprende il bollore, le scoliamo, le passiamo in acqua e ghiaccio per qualche istante, le stendiamo ad asciugare e, in ultimo, le congeliamo. 

Anche pasta fresca ripiena e gnocchi sono perfetti da conservare in freezer:  per evitare che si attacchino tra loro, formando un unico blocco un po’ difficile da consumare, li congeliamo stesi su una teglia o un vassoio per poi trasferirli in sacchetti.

Ingredienti cotti

Cereali e legumi già lessati sono comodi da conservare in freezer per avere una piccola scorta pronta all’uso, da aggiungere alle zuppe o da usare per una insalata. Per esempio, si può cuocere una dose doppia di farro o di riso integrale e congelarne metà,  meglio se dividendole in monoporzioni all’interno di contenitori di alluminio (ce ne sono di tante misure, anche piccoli) o anche nei pirottini per i muffin. In questo modo, ci basterà versare una porzione di cereali in una vellutata o in un minestrone verso fine cottura per completare la ricetta. 

Si possono congelare anche i cibi già cotti, senza correre nessun rischio per la salute. Bisogna però avere alcune attenzioni: il tempo di cottura andrebbe ridotto rispetto a quello previsto normalmente, per evitare che l’alimento si scuocia una volta riscaldato. Un altro consiglio: le salse a parte! Si possono congelare in piccoli contenitori, bicchierini e vasetti, evitando così alterazioni dei sapori.

Come si scongela il cibo?

Scongelare i cibi è una pratica tanto importante come quella del congelamento. Anche se abbiamo fretta, non acceleriamo lo scongelamento con l’impiego di acqua bollente, specialmente se si tratta di alimenti deperibili come carne e pesce.

Allo stesso modo, non rimettiamo nel freezer un alimento che abbiamo fatto scongelare. Interrompere la catena del freddo può essere molto rischioso per la nostra salute perché la carica batterica aumenta.

Il miglior modo per scongelare carne e pesce è utilizzare il frigorifero. È però un procedimento che richiede tempo, almeno 12 ore, quindi bisogna essere molto previdenti e programmare con anticipo. Il vantaggio è che la temperatura del frigo, sotto i 5 °C, consente uno scongelamento omogeneo che preserva tutte le caratteristiche degli alimenti ed evita la proliferazione di batteri.

Diverso è il discorso per alimenti di origine vegetale. La verdura non ha bisogno di essere scongelata per essere cotta, anzi nella maggior parte dei casi è bene cuocerla ancora surgelata, in modo da preservare un danno tipico del ghiaccio, ovvero la perdita di consistenza che rende le verdure molli e scure.

Un’attenzione particolare al gelato e ai latticini in generale: il gelato è uno tra i gli alimenti più delicati per la catena del freddo, che non deve essere interrotta per nessun alimento. Se il gelato è stato anche solo parzialmente scongelato, non dovrà essere ricongelato, perché può essere soggetto a un accumulo di batteri.

Come sterilizzare i barattoli per le conserve fatte in casa

Quando si preparano in casa conserve artigianali, come confetture, passate e sottoli, è fondamentale adottare alcuni accorgimenti di sicurezza, per evitare che batteri e funghi pericolosi possano compromettere la qualità delle conserve e, soprattutto, la nostra salute. In questo articolo scopriremo come preparare delle buonissime conserve estive in tutta sicurezza.

Igiene e sterilizzazione per conserve sane e sicure

Per preparare conserve in sicurezza anche in casa bisogna seguire basiche norme igieniche personali e della cucina, che possono essere la prima fonte di contaminazione. Lavare bene le mani con sapone, cambiare spesso strofinacci e usare utensili puliti evita gran parte dei microrganismi.
Anche la scelta degli ingredienti è importante: preferire sempre prodotti di stagione, perché più ricchi di nutrienti, e possibilmente biologici, così da evitare il rischio che i vegetali possano contenere residui di pesticidi e antiparassitari. Frutta e verdura vanno lavati bene sotto acqua corrente in modo da eliminare terra ed altri residui, ed è utile immergerli per qualche minuto in acqua e bicarbonato di sodio per una maggiore pulizia.
Un aspetto importante va alla preparazione dei contenitori. Spesso si parla di sterilizzare i barattoli di vetro, ma più che di sterilizzazione sarebbe opportuno parlare di sanificazione. Per sterilizzazione si intende, infatti, un trattamento capace di distruggere indistintamente tutte le forme microbiche che con gli strumenti di casa non si può ottenere. Con qualche accortezza e alcuni semplici metodi, invece, possiamo ottenere una sufficiente sanificazione dei nostri barattoli di vetro.

Quello della bollitura è il metodo più facile e diffuso. Ecco i passaggi da seguire:
mettere i vasetti (avvolti negli strofinacci puliti in modo che non si rompano urtandosi) in una pentola alta;
riempire la pentola con acqua fredda coprendo totalmente i vasetti;

portare ad ebollizione a fuoco vivace, poi abbassare la fiamma e lasciare bollire per almeno altri 30 minuti;

togliere i vasetti dalla pentola, aiutandosi con una pinza, solo quando l’acqua è fredda. Si possono lasciare asciugare per qualche minuto su uno strofinaccio pulito, meglio se appena stirato, e utilizzarli subito.

In alternativa, si possono sanificare i propri barattoli con un lavaggio ad alte temperature in lavastoviglie (senza usare sapone) oppure lasciando i barattoli per 20 minuti in forno acceso a 100°C.

Le ricette per un brunch perfetto by Girls at Work

Sabato 15 giugno abbiamo tenuto un corso di brunch in collaborazione con le “Girls at Work” Libera e Barbara, le chef del ristorante Al Cortile.

Te lo sei perso? Ecco qui tutte le ricette e i trucchi imparati durante il corso, da replicare a casa per preparare un brunch da vero Chef!

UOVA SODE

Portare l’acqua salata ad ebollizione, successivamente accompagnare le uova sul bordo della pentola e lasciarle cuocere da 8 a 9 minuti.

UOVA SOFT BOILED (tuorlo morbido)

Portare l’acqua salata ad ebollizione, successivamente accompagnare le uova sul bordo della pentola e lasciarle cuocere dai 3 ai 4 minuti. Raffredda subito le uova immergendole in acqua fredda e ghiaccio.

Suggerimenti: abbinale ad asparagi, avocado toast, salmone.

UOVA IN CAMICIA

Portare l’acqua ad ebollizione in una pentola con i bordi alti, aggiungere un bicchiere di  aceto di vino bianco o di mele. Rompere l’uovo in un bicchiere e appena l’acqua torna ad ebollizione, creare un mulinello mescolando con una frusta, contare fino a 3 e buttare l’uovo al centro lentamente, attendere che l’uovo diventi bianco (ci vorranno circa 3 minuti). Prelevare con una schiumarola.

Suggerimenti: utilizza delle spezie per colorare l’acqua, prova con lo zafferano!

UOVA MARINATE (sotto sale)

Preparare un contenitore con del sale ed appoggiare delicatamente il tuorlo delle uova su di esso ricoprendolo con altro sale.

Riporlo in frigo per minimo 4h e utilizzarlo pulito dal sale.

Suggerimenti: utilizzalo grattuggiato per una carbonara alternativa con cacio pepe e

guanciale!

UOVA STRAPAZZATE

Utilizzare uova e panna fresca dello stesso peso, aggiungere sale (qb) e frullare. Scaldare una padella, aggiungere l’olio di semi e la crema ottenuta da uova e panna, attendere le “bolle”, mescolare velocemente e impiattare subito.

Suggerimenti: la dose ideale è di un uovo a testa.

SALMONE AFFUMICATO

Ricoprire una teglia con carta di alluminio, spolverare con due cucchiai di riso, un cucchiaio di zucchero di canna e spezie a piacimento. Procurarsi una teglia forata o uno scola pasta e appoggiare il trancio di salmone che si intende affumicare direttamente su una teglia forata o sullo scola pasta. Disporre quest’ultimo sopra alla teglia con il riso e portare sul fuoco. Appena inizia a fare fumo, ricoprire il tutto con carta d’alluminio. Lasciare sul fuoco 8 minuti. Spegnere e lasciare riposare per 15 minuti. La durata di cottura/affumicatura dipende da ciò che si sta affumicando e dalla dimensione.

Suggerimenti: divertiti con la stessa procedura per affumicare qualsiasi tuo piatto!

AVOCADO MOUSSE

– 2 avocado

– 1 cucchiaio di succo di limone o di lime

– sale qb

Rimuovere il seme e la pelle dell’avocado e tritare la polpa con il succo di limone con un frullatore ad immersione fino a consistenza desiderata.

Suggerimenti: guarnisci a piacimento con una foglia di coriandolo o spezie a piacere!

SPINACI SALTATI

– 500 gr di spinaci baby

– spicchio di aglio

– sale qb

– 1 cucchiaio di olio di oliva

Scaldare l’olio con l’aglio schiacciato, aggiungere gli spinaci e cuocere per un

ulteriore minuto. Regolare di sale.

ASPARAGI SALTATI

– 1 mazzo di asparagi

Con un pelapatate rimuovere delicatamente la buccia esterna dell’asparago. Sbollentare gli asparagi per 30 secondi e bloccare immediatamente la cottura in acqua e ghiaccio.

Successivamente in una padella calda aggiungere un filo di olio e uno spicchio di aglio tagliato, rosolare leggermente gli asparagi e regolare di sale.

BLINIS

– 150 gr farina integrale

– 70 gr farina 0

– 1 bustina lievito di birra secco

– 1 uovo

– 250 ml latte caldo

– 1 cucchiaino di sale

Scaldare leggermente il latte, unire il lievito e lasciare riposare per 15 minuti. Aggiungere l’uovo, le farine e il lievito. Mescolare vigorosamente, coprire con pellicola e lasciar riposare l’impasto per almeno 45 minuti.

Riscaldare la padella con un filo di olio di semi o una noce di burro, versare un cucchiaio o due di impasto. Quando sulla superficie inizieranno a formarsi dei forellini (dopo 1 min.) girare i blinis e cuocerli per 30 secondi sull’altro lato.

PANCAKES

– 1 tazza di ricotta

– 2 tazze di farina

– 1 tazza di latte

– 2 cucchiai di zucchero

– 2 uova

– 1 bustina di lievito per dolci

In una bowl unire tutti gli ingredienti secchi, in un’altra mescolare ricotta con latte e uova e successivamente unire agli ingredienti secchi. Se necessario aggiungere extra latte se l’impasto risulta troppo denso. Riscaldare la padella con un filo di olio di semi o una noce di burro. Versare un cucchiaio o due di impasto. Appena i bordi risultano asciutti (dopo circa 2 minuti) girare il pancake e cuocere ancora per 2 minuti.

Suggerimenti: spolverare i pancakes con zucchero a velo, sciroppo di agave o sciroppo d’acero a piacimento.

CHEESECAKE

CRUMBLE

– 150 gr burro a temperatura ambiente

– 150 gr farina

– 100 gr zucchero

– 150 gr cocco

Impastare tutti gli ingredienti e cuocere in forno a 180°C per 20 minuti o fino a doratura. Far raffreddare e tritare finemente in un cutter. Sciogliere 75 g di burro e unire al crumble sbriciolato.

CHEESE MOUSSE

– 800 gr di formaggio fresco

– 200 gr di mascarpone

– 6 tuorli d’uovo

– 150 gr di zucchero

– 50 gr di amido di mais

Amalgamare il tutto.

PROCEDIMENTO

Imburrare e infarinare una teglia a cerniera di 15 cm di diametro. Inserire il crumble bagnato con il burro fuso e pressarlo sul fondo e sui bordi. Versare la cheese mousse. Infornare a 160° per 45 minuti/1 ora. Far raffreddare e ultimare con la confettura di mirtilli.

 

Aperitivo Agricolo con i produttori

60954126_2146843578767599_1996197342008573952_o

La bella stagione per te è sinonimo di aperitivo? Abbiamo quello che fa per te: l’Aperitivo Agricolo con i nostri produttori nella bella location di Un Posto a Milano. Non perderti il nostro appuntamento:

📅 Giovedì 30 maggio dalle 19 alle 21.30

📍 Un Posto a Milano, via Privata Cuccagna 2, Milano

Che cosa assaggerai? La coppa, la mortadella ed il salame cacciatorino del Salumificio Pedrazzoli, i lievitati a pasta madre di Slow Bread Lab, i sottoli e le creme de La Macina Ligure e i formaggi di latte vaccino e caprino del caseificio piemontese Paje. Il tutto accompagnato da assaggi delle birre artigianali non filtrate del Birrificio Rurale.

Che aspetti? Prenota subito il tuo posto cliccando QUI.

L’evento è gratuito ma la prenotazione è obbligatoria.
In loco sarà possibile usufruire del bar di Un Posto a Milano per consumare le birre del Birrificio Rurale.

Cortilia apre a Mercato Centrale Torino

Siamo felici di annunciare l’apertura del nostro primo store fisico Cortilia insieme a Mercato Centrale a Torino. 

Il Mercato Centrale, che aprirà il 13 Aprile 2019 a Torino, coprirà una superficie di 4500 mq, distribuiti su tre livelli, e ospiterà anche eventi e attività culturali. Al suo interno sarà presente il nostro primo punto vendita Cortilia, un negozio dal taglio innovativo dove sarà possibile acquistare una selezione del più vasto assortimento presente online e anche assaggiare i prodotti in loco attraverso un’offerta di piatti unici appositamente pensati per il punto vendita fisico.

La passione per i prodotti artigianali accomuna da sempre le due aziende, entrambe condividono l’obiettivo di supportare il ciboautentico, valorizzandolo e rendendolo più disponibile per i propri clienti.

Per far scoprire e valorizzare i prodotti dei nostri produttori, offriremo a Mercato Centrale un menu di Bowl del Contadino: piatti unici bilanciati composti da una base nutriente (riso, farro, orzo, etc.), un ingrediente proteico (pollo, legumi, pesce, etc.) e un mix di verdure di stagione e semi o frutta secca per dare croccantezza. Per i Clienti sarà possibile anche fare la spesa acquistando i nostri best seller Cortilia.  Infine, contribuiremo al ricco piano di eventi del Mercato invitando i nostri produttori ad incontrare i clienti e offrendo i prodotti in degustazione. 

Il progetto rappresenterà per noi un passo concreto verso la multicanalità: si tratta infatti di un’attività sperimentale volta a far conoscere il nostro brand a oggi solo digitale, vogliamo così esplorare nuove modalità di interazione con i clienti per potenziare il nostro business online.  Sarà anche un’occasione per apprendere nuove competenze e stringere nuove alleanze con i produttori del territorio.

Mercato Centrale aprirà a Piazza Repubblica, 25 – Torino dal 13 Aprile 2019. 

Cortilia è il primo mercato agricolo online a mettere in contatto agricoltori, allevatori e produttori artigianali con consumatori attenti ai sapori autentici, alla qualità, alla tracciabilità e agli acquisti consapevoli, consegnando comodamente a casa in meno di 24 ore. 

Mercato Centrale è un’idea che diventa luogo, un punto di riferimento per chi ama, vive e sceglie il cibo. Il Mercato Centrale Torino, posizionato nel centro cittadino, parteciperà attivamente al grande progetto di riqualificazione del quartiere di Porta Palazzo, diventando non solo un luogo per fare la spesa, ma un centro di aggregazione in cui cibo e cultura si fondono in maniera naturale e spontanea.

La settimana del detox: una gioia per la salute ma anche il palato

Dopo varie settimane di festeggiamenti, in cui ci auguriamo non vi siate fatti mancare nulla, è arrivato il nuovo anno, tempo di bilanci e di bilance! Mangiare e bere in buona compagnia sicuramente ha fatto bene al nostro spirito, anche se degli eccessi probabilmente il nostro organismo ne risente. Detox, o disintossicazione, significa aiutare l’organismo a liberarsi dalle sostanze nocive accumulate durante le feste: sovrabbondanza di grassi, sale, alcool e zuccheri, che andrebbero consumate in quantità limitate e che invece dominano le nostre tavole imbandite da inizio dicembre fino a gennaio.

Detox!

Ma niente panico! Nonostante la fredda stagione invernale, la natura ci offre tutto il necessario per aiutare il nostro corpo a riprendersi ed affrontare il gelo con il giusto apporto di vitamine, fibre e sali minerali e ripulirsi dalle eccedenze, dandoci tutta l’energia necessaria ad iniziare il nuovo anno. E’ infatti ormai risaputo che l’alimentazione ha effetti non solo sul fisico, ma anche sulla psiche e una dieta sana e bilanciata aiuta il funzionamento della mente e dà energia su tutti i fronti.  Basta avere un minimo di fantasia per assemblare frutta e verdura, oppure affidarsi a kit creati appositamente per creare estratti, succhi, frullati o anche zuppe, passati di verdura. Bere tanta acqua ed eliminare cibi ricchi di grassi, sale e zucchero è il primo passo per avviare la disintossicazione. Se si affianca a questa pratica il consumo di alcuni alimenti, il risultato è garantito; di seguito alcuni esempi.

kitdetoxmelazenzerofinocchior

Finocchio: questo ortaggio carico di fibre e povero di calorie, dal gusto gradevole e rinfrescante, è molto ricco di sali minerali, quali potassio, calcio e fosforo, utili per prevenire crampi e stanchezza, oltre che rinforzare le ossa. Contiene vitamina A, essenziale per la pelle e la vista, vitamina B e C, alleata del sistema immunitario oltre che prezioso antiossidante. Inoltre il finocchio ha effetti diuretici, fondamentali per l’eliminazione di tossine dall’organismo. Provalo subito in estratti, frullati, in insalate o semplicemente cotto al vapore.

Mela : beh, sappiamo come recita il famoso detto! E come spesso succede, la cultura popolare serba grandi verità, quindi non tiriamoci indietro e buttiamoci nel consumo di mele per questa settimana di depurazione e oltre. La mela è infatti un grande alleato per la ripulire l’organismo da sostanze tossiche, grazie alla presenza naturale di pectina, che favorisce le funzioni intestinali e diminuisce i livelli di colesterolo. Essa è inoltre ricca di fibre, e vitamine oltre che povera di grassi e proteina. . Anche per la mela suggeriamo estratti, frullati, insalate o cotta con un pizzico di cannella.

Limone: la leggenda lo vuole bruciagrassi, nelle case diventa spesso il rimedio per ogni male. Il limone, versatile condimento per moltissime ricette, è anche un grande alleato per la nostra salute. Esso ha infatti grandi proprietà depurative e drenanti, aiutando a liberarsi dei liquidi in eccesso, stimola il fegato e la cistifellea a lavorare meglio, è ricco di vitamina C, potente antiossidante e di minerali. Esso stimola il metabolismo in generale, essendo un grande alleato nella perdita di peso. Comincia la tua giornata con un estratto che contenga al limone, o condisci la tua insalata al posto dell’aceto,  e sarà tutto in discesa!

Con questi piccoli consigli e i kit studiati appositamente per facilitare un’alimentazione sana e ricca frutta e verdura non avrai che da scegliere e mangiare con gusto la migliore frutta e verdura di stagione!