Ricette di Stagione – Settimana n. 17/2014

Facili, gustose, essenziali. Con le Ricette di Stagione proposte, è possibile, in pochi passi, realizzare squisiti piatti, valorizzare gli ingredienti di qualità degli amici agricoltori e assaporare il gusto del territorio.

Fave, carciofi e piselli con finocchietto selvatico
Un contorno di verdura insolito perfetto per questa stagione che vede avvicendarsi le ultime verdure invernali (carciofi) con le prime verdure primaverili (fave e piselli). Provateli insieme, il risultato vi sorprenderà.

faveIngredienti per 4 persone

 

Tagliate la cipolla a dadini piccoli e metteteli in una pentola capiente con abbondante olio extravergine di oliva. Unite le fave, i carciofi e i piselli, il mazzetto di finocchietto, salate e pepate e infine aggiungete 3-4 bicchieri d’acqua.
Lasciate cuocere per circa un’ora mescolando di tanto in tanto e servite a piacere come contorno aggiungendo fresca, nel piatto, ricotta a fiocchetti.

Insalata di sedano, mele e spinaci con salsa allo yogurt profumata al timo
Stufi della solita insalata? Provate questa versione: gustosa, leggera e soprattutto…velocissima da preparare. Un concentrato di sapori che non vi lascerà delusi.

insalataIngredienti per 4 persone

Lavate e affettate il sedano; sbucciate e tagliate le mele a tocchetti; sciacquate le foglie di spinaci piu’ tenere e unite tutto in un’insalatiera capiente.
In una ciotolina versate lo yogurt, unite la buccia del limone e le foglioline di timo limone e, se volete, uno spicchio di aglio schiacciato. Amalgamate bene e condite l’insalata che avete precedentemente preparato.
Aggiungete i gherigli di noce, salate a piacere, mescolate e servite.

Pasticcio di colomba
Chi di noi in questi giorni non ha mangiato la colomba? Se ancora avete in casa degli avanzi di questo dolce, perché non trasformarli in una torta cremosa? La dolcezza della crema pasticcera si sposa perfettamente con la freschezza delle fragole.

023_a---

Ingredienti  per 6 persone

  • Avanzi di colomba (mezza circa)
  •  500 g di fragole
  •  130 g di mandorle senza buccia
  • 1 bicchiere di Porto o di Marsala

Ingredienti per la crema

  • 4 tuorli
  • 100 g di zucchero
  • 30 grammi di farina
  • Mezzo litro di latte
  • Un pizzico di sale
  • La scorza grattugiata di mezzo limone

Prendete una ciotola capiente e sbriciolatevi dentro gli avanzi di colomba. Aggiungete il liquore e, se necessario, un bicchiere di acqua tiepida per ammorbidire l’impasto. Prendete una pirofila trasparente e disponete la base, livellandola con le mani.
Intanto lavate e mondate le fragole, tagliatele a pezzettoni e mettetele in una ciotola. Prendete le mandorle, spezzettatele grossolanamente e unite alle fragole, mescolando. Adesso potete disporre la frutta sulla base di colomba e mettere in frigo, dopo aver coperto con uno strato di pellicola trasparente per mantenere l’umidità.
Passate quindi alla preparazione della crema pasticciera: versate il latte in un pentolino e mettetelo sul fuoco senza fargli raggiungere il bollore. Intanto in una ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero e la scorza del limone finché non otterrete una crema chiara. Unite la farina setacciata, a pioggia, e un pizzico di sale, quindi versate il latte caldo, rimettete sul fornello a fuoco basso e mescolate continuamente fin quando la crema non si addensa. A questo punto potrete toglierla dal fuoco e lasciarla raffreddare.
Togliete la base della torta con la frutta dal frigo, togliete dal frigo e con l’aiuto di una tasca da pasticciere aggiungete la crema pasticciera precedentemente preparata. Decorate con fragole fresche e mandorle tostate e servite, meglio se dopo aver raffreddato il dolce per ancora un’ora circa.

Marmellata di limoni
Meglio approfittarne finché sono disponibili! La stagione degli agrumi volge ormai al termine, perché dunque non farne delle buone marmellate che ci permetteranno di gustare il loro sapore anche in estate.

marmellata

Ingredienti

  • 2 kg di limoni non trattati
  • Zucchero (la metà del peso della polpa ricavata)

Tagliate la buccia dei limoni con un pelapatate tenendovi quanto più  possibile distanti dalla parte bianca e tagliatela a julienne. Sbollentatele in acqua calda per 2 volte, al fine di togliere l-amaro e al terzo passaggio aggiungete 2 cucchiai di zucchero.
Lasciatele raffreddare per un paio di minuti a temperatura ambiente e poi raccoglietele con una schiumarola, tenendole da parte.
Tagliate a vivo i limoni, pesateli e metteteli in una pentola con il fondo spesso un paio di centimetri, aggiungendo lo zucchero che peserà la metà del peso della polpa dei limoni.
Cuocete per 30 minuti  nel frattempo sterilizzate i vasetti per 15 minuti in acqua bollente. Passate la polpa al passaverdure al fine di eliminare le bucce e i semi, raccogliete il tutto nuovamente nella casseruola, aggiungete le bucce a julienne e fate cuocere per altri 20-30 minuti.
Invasate la marmellata, create il sottovuoto capovolgendo i barattoli pieni di marmellata per un paio di minuti e rimettete in pentola con acqua bollente per altri 20 minuti. Al termine di questa operazione togliete i vasetti dall’acqua, fateli asciugare e conservate per almeno 2 settimane prima di consumarla.

Come “riciclare” la colomba di Pasqua: torta morbida

065pro03141000Un po’ di sole, un po’ di pioggia, pranzi galattici, pic-nic, merende in compagnia: ecco che anche Pasqua e Pasquetta sono passate. Chi di voi, come spesso capita in queste circostanze festose, non si è trovato con un mare di avanzi?

Ma se di pezzetti di cioccolato non ne volete proprio sapere e di colombe ne avete fino a sopra i capelli, cosa potete fare per evitare i soliti paradossali sprechi?

Ecco a voi una ricetta davvero unica che abbiamo testato per voi. Si tratta di una soluzione curiosa, che vi permette di valorizzare gli avanzi della colomba, fino all’ultima briciola.

Nessuno si accorgerà che questo dolce nasce per riutilizzare gli avanzi di colomba. Stupirete amici, parenti e commensali con una torta morbida da guinness.

Torta morbida
250 gr di colomba
200 gr di farina
100 gr di fecola di patate
150 gr di zucchero
150 gr d burro
150 gr di latte
3 uova
1 bustina di lievito in polvere
la buccia di due limoni

Tritate la colomba. Intanto montate il burro con le uova e lo zucchero. Aggiungere a poco a poco la fecola e la farina setacciate, il lievito, la colomba tritata, la buccia del limone e il latte. Fate poi cuocere il tutto in una tortiera per 40 minuti.

 

NB: Quanto alle uova di Pasqua, ricordatevi che il cioccolato si conserva: non serve strafogarsi subito. Tenetelo in frigorifero, ben chiuso e usatelo di tanto in tanto. Fuso addizionato a un po’ di latte è perfetto per una cioccolata rigenerante alternativa alle polverine chimiche. Sminuzzato e ridotto a pezzetti è perfetto per fare frollini, crostate, plum cake.

Al bando gli sprechi: e la colomba diventò un torta

torta_margherita8-612x266
Un po’ di sole, un po’ di pioggia, pranzi galattici, pic-nic, merende in compagnia: ecco che anche Pasqua e Pasquetta sono passate. Chi di voi, come spesso capita in queste circostanze festose, non si è trovato con un mare di avanzi sul groppone?

Ma se di pezzetti di cioccolato non ne volete proprio sapere e di colombe ne avete fino a sopra i capelli, cosa potete fare per evitare i soliti paradossali sprechi?

Ecco a voi una ricetta davvero unica che abbiamo testato per voi. Si tratta di una soluzione curiosa, fuori dal comune che vi permette di valorizzare gli avanzi della colomba, fino all’ultima briciola.

Torta morbida

250 gr di colomba

200 gr di farina

100 gr di fecola di patate

150 gr di zucchero

150 gr d burro

150 gr di latte

3 uova

1 bustina di lievito in polvere

la buccia di due limoni

 

Nessuno si accorgerà che questo dolce nasce per riutilizzare gli avanzi di colomba. Stupirete amici, parenti e commensali con una torta morbida da guinness.

Tritate la colomba. Intanto montate il burro con le uova e lo zucchero. Aggiungere a poco a poco la fecola e la farina setacciate, il lievito, la colomba tritata, la buccia del limone e il latte. Il tutto in una tortiera per 40 minuti.

 

NB: Quanto alle uova di Pasqua, ricordatevi che il cioccolato si conserva: non serve strafogarsi subito. Tenetelo in frigorifero, ben chiuso e usatelo di tanto in tanto. Fuso addizionato a un po’ di latte è perfetto per una cioccolata rigenerante alternativa alle polverine chimiche. Sminuzzato e ridotto a pezzetti è perfetto per fare frollini, crostate, plum cake.