Spreco alimentare: come combatterlo nel quotidiano

Il 5 febbraio si celebra la Giornata Nazionale contro lo spreco alimentare: giornata fondamentale per informare e sensibilizzare le persone a questo tema ma la lotta allo spreco va combattuta tutti i giorni. Cambiare (e migliorare) le proprie abitudini si può, partendo dalla propria cucina, dai piccoli gesti quotidiani e bastano pochi accorgimenti per ridurre sensibilmente il volume del sacchetto della spazzatura!

4 consigli per ridurre lo spreco alimentare nelle nostre cucine

1. Fare una spesa più consapevole e biologica, comprare solo quello che veramente ci serve e, infine, fare molta attenzione agli imballaggi dei prodotti acquistati.

2. Organizzare il proprio frigo e pulirlo almeno una volta a settimana. Mettere sempre i prodotti appena acquistati dietro e quelli vecchi davanti, così da tenere sotto controllo le date di scadenza e non far deperire nulla. E’ fondamentale conservare correttamente frutta e verdura all’interno del proprio frigo per ridurre al minimo lo spreco alimentare.

3. Dedicarsi al meal prep, grazie al quale è possibile preparare in anticipo i pasti dell’intera settimana. Quando si ha un po’ di tempo, si può pianificare il menù della settimana e dedicandosi poi alla preparazione di verdure, cereali, proteine vegetali e non, in modo da avere parte del lavoro già svolto. Il meal prep permette di ridurre gli sprechi evitando così di far andare a male il cibo e, cosa non trascurabile, di avere un’alimentazione più sana.

4. Utilizzare parti di scarto di verdure che altrimenti butteremmo via o di altri alimenti (come ad esempio il pane raffermo). Non buttate via le bucce di patata, di carota, di zucca, i gambi e le foglie di broccoli e cavolfiori, i baccelli dei piselli, i gambi duri degli asparagi, le foglie esterne del carciofo, la parte centrale dura della foglia del cavolo nero. Tutte queste parti, normalmente considerate di scarto, possono rivelarsi una grande ricchezza di elementi nutritivi. Per questo molti dei nostri kit ricette contengono sempre un consiglio su come riutilizzare queste parti vegetali! Ecco qualche esempio:

Il kit pastina in brodo colorato. La verdura usata per fare il brodo non va sprecata: si può frullare per ottenere una deliziosa vellutata, da servire a parte condita con olio evo e parmigiano.

Pastina in brodo colorato

Il kit canederli alla tirolese è di per sé senza sprechi: i canederli sono infatti preparati con il pane raffermo! Così come la ricetta dei bon bon di panettone o torta avanzata!

Canederli alla tirolese in brodo
Bon Bon di panettone avanzato

Anche i pizzoccheri della Valtellina possono essere senza sprechi. Basta non buttare le bucce delle patate e disporle su una teglia con carta forno, un filo di olio EVO, sale e rosmarino e farle croccare in forno per ottenere delle chips!

Con un po’ di creatività e fantasia possiamo infatti dare una nuova vita a tantissimi alimenti. Vediamo nel dettaglio uno dei soggetti, il carciofo, che ha una percentuale di spreco maggiore e come, con piccoli accorgimenti, si può gustare fino in fondo.

Come si puliscono i carciofi

Per prima cosa preparate una ciotola con acqua e limone così da immergere i carciofi tagliati e impedire che anneriscano. Tagliate la punta, la parte più dura e generalmente con le spine, poi sfogliate il carciofo togliendo le foglie esterne più dure. Fermatevi quando trovate le foglie tenere di un colore giallo/verde. Tagliate il gambo alla base del carciofo, spellatelo eliminando la parte più esterna fibrosa ed eliminate eventuali spine, poi tuffatelo in acqua per non farlo annerire. A questo punto tagliate il carciofo in due parti per il lungo ed eliminate la barba, ovvero la peluria che si trova all’interno. Toglietela scavando con un coltellino o uno scavino, dividete la metà del carciofo in altre due parti e tuffatelo nell’acqua acidula. Se invece volete cucinare il carciofo intero, togliete le foglie esterne più dure, poi allargate delicatamente le foglie, inserite uno scavino ed eliminate la barba interna.

Come utilizzare le parti di scarto del carciofo

Quante volte abbiamo buttato via le foglie esterne più dure del carciofo? In realtà anche questa parte contiene della polpa ma bisognerà separarla dalla fibra. Bastano alcune piccole attenzioni per realizzare una perfetta ricetta antispreco. Per prima cosa cuocete le foglie esterne in abbondante acqua per 30 minuti circa. Poi potete lasciare l’acqua nella pentola e frullare il contenuto con un frullatore ad immersione. Filtrate il tutto e otterrete una crema molto liquida (dalla consistenza simile ad un brodo). Oppure scolate le foglie e passatele in un passaverdura, un mixer o anche nell’estrattore. Filtrate con un colino e ciò che otterrete sarà una crema (molto più densa rispetto alla versione precedente) a base di sola polpa del carciofo. Con questa operazione avrete scartato la parte fibrosa.

La crema ottenuta dallo scarto delle foglie di carciofo si può congelare nel contenitore del ghiaccio in modo tale da avere dei cubetti sempre disponibili all’occorrenza. In alternativa si può conservare frigo, in un vasetto di vetro con chiusura ermetica, per una settimana circa.

Come si utilizza?

Il suo utilizzo varia in base alla densità della crema ovvero se contiene poca o tanta acqua, ma si presta a diversi usi: per condire un primo piatto a base di pasta, per preparare un pesto, se la consistenza è densa, da frullare con altre verdure e frutta secca, per preparare un hummus con i legumi, per condire un risotto o un altro cereale, da aggiungere ad un contorno di verdure semplicemente come insaporitore.

Idee per un Natale Sostenibile – Come decorare l’albero

Materiale per il BlogFinalmente ci siamo!

Anche quest’anno il Natale è finalmente alle porte: la città si illumina  di allegre luminarie  e nell’aria si percepisce un clima di felice e gioiosa attesa.  La maggior parte di voi avrà già fatto l’albero, ne siamo certi, tradizione vuole, infatti che si faccia l’8 dicembre.

Ma c’è sempre tempo per arricchirlo con decorazioni che lo rendano ancora più speciale, magari fatte con materiale riciclato. Spazio dunque ai materiali di riuso o di scarto e largo a qualche idea semplice e divertente per dare al vostro Natale un tocco di allegria e sostenibilità.

Le arance, ad esempio, sono un frutto di stagione che si presta benissimo per comporre decorazioni natalizie fai da te.

Provate a tagliarle a fette, con un coltello ben affilato e in modo da ottenere una “ruota”  di almeno 1 cm di spessore e lasciatele su un calorifero per 2 o 3 giorni, oppure fatele essiccare in forno, dopo averle riposte sulla carta da forno e  cuocendole  per circa 3 ore a 150°. Una volta raffreddate, le arance essiccate possono facilmente essere forate: fate passare un bel filo di lana rossa in modo da creare delle bellissime  e originali decorazioni per il vostro albero.

Il nostro consiglio è di fare essiccare diverse fettine di arancia, perché, oltre a decorare l’albero, potranno servirvi per confezionare i pacchetti dei regali natalizi. Provate ad accostare a una fetta di arancia qualche stecca di vaniglia, delle pigne, stelline di anice o della cannella, un nastrino rosso oppure del pizzo, per avere pronto, in pochissimo tempo, una splendida decorazione per impreziosire i vostri regali.

Un’altra idea è quella di conservare la buccia delle arance e intagliarla nelle forme che preferite (albero di Natale, una stella, una renna…). Se sarete abbastanza bravi da riuscire a ottenere pezzi di buccia abbastanza larghi, potreste anche utilizzare le formine dei biscotti. Una volta create le forme che più vi piacciono, potete forarle delicatamente e inserire un nastrino colorato.

Anche le noci sono un frutto che si presta molto alle decorazioni natalizie: quando le consumate, provate a romperle in modo da mantenere integro il guscio. Quindi acquistate uno spray dorato e spruzzatelo sul guscio delle noci. Infine, preparate un spago, che abbia un anello sufficientemente largo da consentirvi di appenderlo all’albero e, dall’altra parte, fate un nodo lasciandolo volutamente un po’ grosso. Quindi richiudete bene i gusci delle noci, incollando le due parti tra loro e facendo in modo che il nodo rimanga all’interno: ecco pronte delle splendide palline natalizie, super ecologiche!

Se però, ancora non siete soddisfatti del vostro albero ecologico, potreste sacrificare parte dei biscotti delle feste e utilizzarli per appenderli all’albero.  In questo caso, non dimenticate, prima di cuocerli, di praticare un piccolo foro dove farete passare un nastrino per appenderli.

Infine, un’ultima idea per il vostro Natale sostenibile: sfruttate le scatole di Cortilia! Con quel cartone, così bello resistente, si potranno fare delle bellissime formine da appendere. Un’idea in più? Ricopritele con un filo di lana.