Orto urbano: come far crescere frutta e verdura sul proprio balcone

Prendersi cura di un orto, non importa quando grande, se in vaso, sul terrazzo di casa oppure in uno spazio all’aperto nel proprio giardino, è un atto di amore verso noi stessi e verso il nostro pianeta.

Contrariamente a quanto si pensa, infatti, scoprirai che è possibile trarre grandi soddisfazioni anche in piccoli spazi cittadini! Quei piccoli spazi in cui adesso non riesci forse a immaginare un orto urbano ma che presto, grazie a te, si trasformeranno per ospitare tanti vasi pieni di erbe aromatiche e fragole rifiorenti!

Cosa ti occorre per avviare il tuo primo orto urbano?

– un angolo di balcone soleggiato o il davanzale di una finestra luminosa.

– qualche vasetto e barattolo anche di recupero.

– una piccola vanghetta.

– guanti da giardinaggio.

– un sacchetto di ottimo terriccio biologico.

– acqua, spruzzino e innaffiatoio.

– semi e resti di ortaggi

Come iniziare a coltivare in balcone

Uno dei modi più semplici ed economici per avviare un piccolo orto urbano, per esempio, è quello di dedicarsi alla rigenerazione degli scarti dei vegetali che solitamente consumiamo nella nostra cucina. Sembra incredibile ma è solo un altro modo in cui la Natura riesce a stupirci mostrandoci come la vita rinasca anche dove non pensiamo che sia possibile! 

Gambi di sedano, cipolle, insalata, spicchi di aglio, carote, dare nuova vita ai rifiuti biologici è un modo per combattere lo spreco alimentare alla fonte e, lo scoprirai mettendolo in pratica, un modo per conoscere meglio la natura è dare una seconda possibilità agli avanzi di vegetali prodotti nella nostra cucina!

Ben presto, grazie al tuo impegno, prenderà forma sul tuo balcone di casa, un orto urbano che ha forse poco a che vedere con gli orti veri, orlati di muretti a secco e ricchi di ogni varietà autoctona di ortaggio ed erbe spontanee, ma che ti permetterà di affondare le mani nella terra e se hai dei bimbi, anche di mostrare loro dove nascono i fagioli, i ravanelli o l’insalata.

Un piccolo orto urbano capace di insegnare lezioni importanti, come quella che le fragole, qui da noi, non maturano tutto l’anno, che ogni stagione è diversa e che la natura è il direttore d’orchestra che scandisce e dirige il ritmo dei cambiamenti intorno a noi. Non viceversa.

Un altro metodo per far crescere la natura sul tuo balcone è creare delle talee. Una talea è il frammento di una pianta tagliato e piantato in terra per far rigenerare le parti mancanti. Prova con un rametto di rosmarino, presto avrai una nuova piantina profumata!

5 benefici dell’avere sul balcone di casa tua un piccolo orto urbano

1.           Vegetali biologici e autoprodotti sempre a disposizione! E’ il beneficio concreto e misurabile, risultato del tuo impegno e della tua dedizione, quello che ti farà dire, alla prima forchettata di insalata (la tua insalata appena colta): “Questa è l’insalata più buona che abbia mai mangiato”. Vale davvero la pena di dedicarsi al proprio orto urbano!

2.           Risparmio economico! Avere un orto urbano ti farà risparmiare in due modi. Il primo perché avrai la tua frutta di bosco, le tue erbe aromatiche e i tuoi ortaggi auto prodotti non dovendone acquistare altri. Il secondo perché se utilizzerai gli scarti dei vegetali, ridurrai ancora la tua spesa.

3.           Meno sprechi alimentari! Avere a disposizione nei propri vasi erbe aromatiche e insalata, per esempio, ti permetterà di raccogliere solo ciò che utilizzi e di consumarlo sul momento, senza sprechi dovuti a una mal conservazione o deperibilità. Inoltre, facendo ricrescere, per esempio, la base del ceppo di insalata che hai appena consumato, non solo non sprecherai una parte di vegetale che diversamente avresti buttato via nel cestino dell’umido, ma gli darai una nuova vita e potrai continuare a tagliare nuova insalata ancora tre o quattro volte da quello stesso ceppo!

4.           Riduzione dello stress e soddisfazione personale! Mettere le mani nella terra prendendosi cura di un orto urbano ha anche l’incredibile vantaggio di alleviare lo stress accumulato durante la propria giornata di lavoro e rilassarsi. 

5.           Riavvicinamento alla Natura! Un semplice gesto quotidiano come quello di dedicarsi a un orto urbano, osservare un vegetale che cresce, seguirne la stagionalità, osservare i cambiamenti che avvengono in quei piccoli vasi, ci tiene in qualche modo connessi con la natura. E questo non è che un bene per il nostro benessere.

Se hai dei bambini il mini orto ti può servire anche per insegnare loro qualcosa. Per un bambino l’orto è l’ambiente ideale per apprendere non solo forme, colori, sapori e odori, ma anche per imparare la pazienza: seminare, curare i germogli e aspettare la nascita di una piantina significa infatti rispettare i tempi della natura e “coltivare” l’arte dell’attesa.

Avviare un mini orto urbano è davvero un modo semplice ed ecologico per insegnare grandi concetti in modo pratico e semplice e lasciare un seme di vero amore e meraviglia verso la natura e i suoi segreti. Qui siamo noi ad avere il compito di permettere ai nostri bimbi di diventare dei piccoli giardinieri e ortolani capaci di prendersi cura di una piantina e, nello stesso tempo, di accompagnarla nella sua crescita felice!

Inverno: tutt’altro che una stagione monotona per gli ortaggi

La brina e il gelo che “colorano” di freddo le nostre campagne e il riposo a cui i terreni sono costretti in vista delle semine e del periodo primaverile, non frenano la gamma e la ricchezza dei prodotti dell’orto.

Siamo lontani dall’abbondanza estiva, ma la timidezza di questo periodo non impedisce alle verdure a foglia di essere a disposizione per squisiti contorni o minestre di ogni sorta. Spinaci, coste, cime di rapa, catalogna, puntarelle sono all’ordine del giorno… Per non dimenticare il magico mondo dei cavoli, nelle più infinite sfaccettature: cavolfiore, broccoli, cavolo nero, cavolo cappuccio. Le insalate verdi sono disponibili grazie alle serre, mentre in campo aperto è il turno dei radicchi.

Collage2

L’inverno è anche il periodo della dispensa, con ortaggi e tuberi che si conservano e permettono una lunga conservazione: patate, carote, rape, topinambur, cipolle, porri, barbabietole.

Nella stagione fredda non manca poi il dialogo con le aziende agricole del Sud Italia, pronte a sostenere il Nord con produzioni di eccellenza. E’ il caso degli straordinari carciofi che arrivano freschi tutti i giorni da aziende agricole selezionate.