Alla scoperta di Cascina Madonnina

Allevare anatre e oche è parte della cultura e della tradizione dei nostri cortili. Libere di razzolare, svolacchiare e girare per l’aia, questi animali sono oggi di scarsa diffusione, almeno nella nostra zona, complice anche il loro consumo a livello domestico, decisamente molto limitato.

Eppure la tradizione rimane e con essa la voglia di alcune coraggiose aziende agricole di ritagliarsi dei piccoli e nuovi spazi all’interno del vasto e versatile mondo della tradizione agricola.

Cascina Madonnina, aziende agricola alle porte di Milano, ha proprio intercettato questa opportunità e in pochi anni ha deciso di specializzarsi nell’allevamento di anatre e oche in chiave artigianale.

Paolo, Moyra e la giovane Greta sono i protagonisti di questa realtà. Centinaia di volatili animano in libertà la loro azienda, secondo metodi di pieno rispetto del benessere animale, ben lontani dai ritmi forzati e industriali (che a noi non piacciono!!!) che si è soliti usare per la produzione del celebre foie gras francese. Le carni sono poi trasformate per il consumo tal quale, ma anche e soprattutto per la salumeria.

Cascina Madonnina-cover

Il prodotto principe è il Salame, un’eccellenza rara, forse unica, un’esclusiva interpretazione di pura carne d’oca al 100%. Si tratta di un prodotto veramente eccezionale, anche per la sua particolarità di non avere alcun conservante (a parte il sale) e di contenere ben il 70% di grassi insaturi, fonte di Omega 3, 6 e 9 utili al benessere del nostro organismo.

Oca e anatra…simboli della tradizione contadina

COME PREPARARE l’OCA e l’ANATRA di Cascina Madonnina

Per pochi giorni è possibile acquistare Anatre e Oche ruspanti dell’azienda Cascina Madonnina
Ecco qualche suggerimento per valorizzare al meglio questi prodotti della tradizione contadina.
1) Per prima cosa, è bene sapere che si trattano di animali allevati liberamente, senza forzature. Sono animali molto ricchi di grasso, ma di grasso di qualità, ricco di acidi polinsaturi (che fanno bene!)
2) Sia l’anatra sia l’oca sono confezionate “testa zampe” ovvero intere. Questa soluzione permette di conservare meglio il prodotto.
In cucina
1) Sono ottime allo spiedo o al forno. E’ importante durante la cottura bagnarle costantemente con il loro grasso e liquido (succo di arancia, vino o birra)
Provate a riempirle di fettine di mele e pera
Arrosto
2) Si possono anche tagliate a pezzi e cotte lentamente in casseruola a temperatura bassa con erbe aromatiche, frutta secca. Il tutto per almeno 4 ore.
In un caso e nell’altro accompagnatele con patate al forno o una polenta fumante.
Provate anche a cucinarle con le verze, facendo un bel soffritto di cipolla, carota, sedano, profumi vari di stagione. Si rosola poi la carne e si cuoce con lentezza. A metà cottura si aggiungono le verze e si bagna con un bicchiere di vino rosso.
CassoeulaOca

3) Con il petto dell’oca potete anche realizzare un ottimo piatto facile e super gustoso: il “vitello” tonnato. Ecco come: per la salsa tonnata preparate una maionese a cui aggiungete tonno, acciughe, olio extravergine d’oliva, capperi, succo di limone. Il petto è sufficiente farlo bollire per circa un’ora in brodo. Una volta freddo si taglia e si serve con la salsa.

Tonnata