“Abbiamo mangiato il panettone e continueremo a farlo”

panettone (1)

Si sa, è tempo di Panettone, il dolce delle feste per eccellenza.

Simbolo del Natale, del dono e del controdono, il Panettone si condivide con amici e parenti, in ufficio tra colleghi per scambiarsi gli auguri..

Ma vediamo da vicino qualche aneddoto curioso per capire da vicino cosa c’è dietro a questo straordinario prodotto, icona della Milanesità più profonda.

Qualche leggenda

Ci sono varie leggende legate all’alchimia del panettone. Una prima ambientata a fine ‘400, narra di Ughetto figlio del condottiero Giacometto degli Atellani, che si innamorò della bella e giovane Adalgisa. Per star vicino alla sua amata egli s’improvvisò pasticcere come il padre di lei, tal Toni, creando un pane ricco, aggiungendo alla farina e al lievito, burro, uova, zucchero, cedro e aranci canditi.

Erano i tempi di Ludovico il Moro, e la moglie duchessa Beatrice vista questa grande passione del giovane, aiutata dei padri Domenicani e da Leonardo da Vinci, si impegnò a convincere Giacometto degli Atellani a far sposare il figlio con la popolana. Il dolce frutto di tale amore divenne un successo senza precedenti, e la gente venne da ogni contrada per comprare e gustare il “Pan del Ton”.

Narra una seconda leggenda che per la vigilia di Natale, alla corte del duca Ludovico, era stata predisposta la preparazione di un dolce particolare. Purtroppo durante la cottura questo pane a cupola contenente acini d’uva si bruciò, gettando il cuoco nella disperazione. Fra imprecazioni e urla, si levò la voce di uno sguattero, che si chiamava Toni, il quale consigliò di servire lo stesso il dolce, giustificandolo come una specialità con la crosta. Quando la ricetta inconsueta venne presentata agli invitati fu accolta da fragorosi applausi, e dopo l’assaggio un coro di lodi si levò da tutta la tavolata; era nato il “pan del Toni”. Fonte saleepepe

La storia moderna

Uno degli artefici del panettone moderno è stato Paolo Biffi, che curò un enorme dolce per Pio IX al quale lo spedì con una carrozza speciale nel 1847.

La Nascita e sviluppo della forma e della confezione attuale del panettone sono databili alla prima metà del ‘900, ad opera dell’ingegno di Angelo Motta, fondatore del noto marchio del panettone italiano (oggi è un marchio della Nestlé, recentemente acquisito dalla Bauli) che propose il cupolone e il “pirottino” di carta da forno, quasi a celebrare la crescita e l’importanza del preparato.

Gli ingredienti

Il panettone è un dolce da forno tutelato da una specifica normativa nazionale (D.M. 22/07/2005) secondo la quale:

La denominazione «panettone» è riservata al prodotto dolciario da forno a pasta morbida, ottenuto per fermentazione naturale da pasta acida, di forma a base rotonda con crosta superiore screpolata e tagliata in modo caratteristico, di struttura soffice ad alveolatura allungata e aroma tipico di lievitazione a pasta acida.”

Una legge che tutela il consumatore e che stabilisce che devono essere utilizzati ingredienti di alta qualità obbligatori come farina, burro, uova fresche, zucchero, uvetta, canditi, mentre non può essere definito “panettone” un prodotto che utilizza surrogati di basso costo come, ad esempio, la margarina in sostituzione del burro. In questo caso non è possibile vendere il dolce come “panettone”, ma come “dolce da forno”.

L’artigianalità

Il panettone è un prodotto molto complesso da realizzare. Questo tema giustifica la grande diffusione a livello industriale. Eppure permane, soprattutto a Milano, un’immensa cultura artigianale, condotta da pasticceri e panettieri. L’artigianalità del panettone (e di conseguenza il prezzo decisamente più alto rispetto alle referenze sottocosto che si trovano in questo periodo nei supermecati) va ricercata soprattutto nelle materie prime. Ecco cosa ricercare:

– i canditi devono essere profumati, carnosi e sapere di frutta

– l’uvetta deve essere altrettanto: carnosa, dolce al punto giusto e saporita

– il panettone deve profumare di burro, suadente e persistente. Diffidate dai profumi impattanti, conseguenza dell’uso di aromi artificiali.

– al palato deve diffondersi un gusto deciso e delicato, riconducibile alle materie prime essenziali (burro, uova, canditi e uvetta).

Buon Panettone a tutti

Agricola Bioinvio, il sorriso della Sicilia

Bioinvio

Eccoli qua, sorridenti come il sole della loro magnifica terra…la Sicilia. Parliamo della famiglia Di Genonimo dell’azienda agricola Bioinvio.

Rosario, la figlia Francesca e i loro collaboratori sono le anime di un’azienda situata a Vittoria, in provincia di Ragusa, dedita da quattro generazione alla produzione di agrumi.

Dal 1994 l’azienda è certificata biologica (tra le prime in Sicilia) e produce arance, limoni, clementini, mandarini e pompelmi. Significativa la presenza di differenti varietà, dalle più precoci, disponibili a inizio novembre, alle più tardive, che arrivano fino a primavera inoltrata. La produzione avviene in campo aperto, senza forzature, privilegiando la vocazionalità del territorio, perfettamente adatto per gli agrumi.

Una parte della frutta è destinata anche a una piccola linea di prodotti trasformati (marmellate, canditi), realizzati in collaborazione con il laboratorio Romeo di San Giuliano Milanese, dove l’azienda dispone di un piccolo deposito.

Nuovi abbonamenti quindicinali

Cortilia.it_Cassetta_mista_media

Vivi solo e una cassetta di prodotti freschi alla settimana per te è davvero troppa? Nonostante i ripetuti inviti agli amici per fare fuori le provviste, all’arrivo della nuova cassetta ti rimane sempre qualcosa in frigo della spesa precedente?

Da oggi puoi abbonarti ad una delle nostre cassette settimanali e richiedere la consegna con frequenza quindicinale in un click!

 

Cambiare la frequenza del tuo abbonamento su Cortilia è davvero semplice, ecco come devi fare:

1. Abbonati a una cassetta a scelta
Scegli la tua cassetta in abbonamento e prosegui con la spesa e il pagamento. La frequenza di consegna della cassetta potrà essere cambiata solo dopo aver effettuato il primo acquisto.

2. Accedi alla pagina Gestione abbonamento
Dopo il pagamento della prima cassetta, accedi alla pagina di gestione abbonamento cliccando sul pulsante Gestione abbonamento dalla pagina del tuo mercato.

3. Modifica lo stato del tuo abbonamento
Dalla pagina di Gestione abbonamento è possibile visualizzare

  • la cassetta alla quale sei abbonato
  • la frequenza di ricezione
  • la data e ora di chiusura del tuo ordine: termine entro il quale puoi aggiungere prodotti alla tua cassetta
  • l’elenco delle prossime consegne programmate

Nella stessa pagina è anche possibile cambiare la tipologia di cassetta alla quale si è abbonati e modificare la frequenza di ricezione dell’abbonamento: da settimanale a quindicinale, o viceversa.

Geomercato su nonsprecare.it

Prodotti freschi e genuini che dalla cascina del produttore arrivano direttamente a casa nostra. Il tutto in pochi click. Marco Porcaro, amministratore di Geomercato, spiega funzionamento e vantaggi della piattaforma di e-commerce, che permette ai consumatori di fare la spesa comodamente da casa, valorizzando i prodotti del territorio e minimizzando gli sprechi.

http://www.nonsprecare.it/personaggi/marco-porcaro-spesa-sostenibile-a-domicilio.html

Nuova stagione….nuovi prodotti!

Oh! Finalmente!

Stavate iniziando a essere stanchi dei soliti sapori invernali? Sorridete: il cambio di stagione non vi porterà solo giornate più lunghe e un po’ più caldo, ma anche pasti differenti da quelli che avete gustato per tutto l’inverno. Assecondando il ciclo stagionale, anche l’Azienda agricola Fratelli Scotti rinnova il suo listino dandovi così la possibilità di scegliere tra nuovi prodotti freschi a chilometro zero.

Con i primi caldi, ortaggi tipicamente invernali – come crauti e verze – lasciano spazio alle verdure primaverili, come asparagi, costine novelle e tarassaco.

Complice l’ondata di caldo dei giorni passati, inoltre, potrete già portare sulle vostre tavole le fave, magari accompagnate da ottimo formaggio Grana, Pannerone o Raspadura, ma anche verdure più tipicamente estive come zucchine e melanzane con cui potrete sbizzarrirvi tra pentole e padelle in cucina.

L’insalata sulla vostra tavola non mancherà, certo, dovrete rinunciare alla qualità Chioggia e Romana, ma in compenso potrete accompagnarla con cetrioli freschissimi e pomodori insalatari.

Quanto alla frutta, ecco le prime fragole di stagione, che prendono il posto della pera abate.