Salumi di qualità certificati di Cascina Lassi

Lassi_20120731_C024

Cascina Lassi è un’azienda agricola del Parco Sud di Milano da sempre a fianco di Cortilia. Una realtà versatile e interessante seguita con fare propositivo e innovativo da due giovani e dinamici ragazzi: Mattia e Marco. E’ grazie a loro che Cascina Lassi, da classica azienda agricola specializzata su allevamento e ingrasso di suini, ha saputo cambiare volto e assumere le sembianze attuali e moderne della sostenibilità agricola.

Mattia e Marco sono oggi gli artefici di una produzione variegata, in cui alla cultura del maiale si associa quella del riso, del mais (da antiche varietà), della norcineria, del pollame…. in una parola, tanto cara al mondo agricolo di oggi, MULTIFUNZIONALITA‘.

Altro elemento distintivo di Cascina Lassi è la comodità. A fianco di Cortilia, Mattia e Marco sono riusciti a costruire una gamma interessante ad alto contenuto di servizio. La grande novità sono le nuove vaschette di salumi aziendali in atmosfera modificata. Una frontiera raggiunta che permette di poter valorizzare a pieno la qualità delle materie prima.

In più questi prodotti si sono arricchiti di due nuove e importanti specifiche:

Certificazione Parco Sud Milano
Si tratta di una certificazione di qualità ambientale, attribuita a tutte quelle aziende agricole che, nell’ambito della propria produzione, sono in grado di realizzare azioni a favore dell’ambiente, del territorio e del paesaggio.
Certificazione Eccellenze Italiane
Si tratta di una rete di eccellenze italiane Made in Italy, nata per difendere la provenienza e valorizzare i prodotti, esclusivamente realizzati in Italia, contro il rischio della contraffazione.
Per conoscere meglio i prodotti e per assaggiarli…

Come lo cucino?! Conosci e impara a preparare i Carciofi

campo_di_carciofiCarciofi, ultima chiamata! La stagione di questi ortaggi volge ormai al termine, ma come resistere al loro gusto? Meglio approfittarne finché si è in tempo, godendo ancora della bontà di questo ortaggio.

Descrizione
La parte edibile del carciofo non è altro che una gemma del fiore di una pianta simile al cardo selvatico. La gemma interna è protetta da tante “foglie” verde scuro che la racchiudono. La parte superiore di queste foglie presenta delle spine che vanno sempre scartate, così come le foglie più esterne che risultano spesso molto dure.  Queste foglie esterne sono molto scure, mentre l’intensità del verde si affievolisce man mano che si arriva al cuore del carciofo, fino a ridursi a una peluria lunga e finissima. Il cuore vero e proprio, la base rotonda, è tenero e carnoso ed è la parte più gustosa.

Proprietà
Il segreto delle virtù dei carciofi risiede nella cinarina, sostanza aromatica che gli conferisce il caratteristico sapore amaro e molte delle sue proprietà benefiche. I carciofi sono ricchi di potassio e sali di ferro  oltre ad avere un altissimo livello di fibre insolubili che lo rendono particolarmente adatto a chi ha problemi di intestino.  Sono tra gli ortaggi più indicati in una dieta disintossicante in quanto diuretico.

Stagionalità
Il ciclo del carciofo è autunno-primaverile. In tarda primavera la pianta va in riposo con il disseccamento di tutta la parte aerea, fino al risveglio che avviene nuovamente con le prime pogge autunnali.

Conservazione
Perché si sia certi che un carciofo sia fresco occorre prestare attenzione alle seguenti caratteristiche: la punta deve essere ben chiusa e le foglie esterne di colore verde scuro. Il gambo deve essere privo di ammaccature e presentare foglie ancora fresche e dal colore brillante.
Se freschi e integri, i carciofi possono essere conservati in frigo per 5-7 gg, ma se cotti vanno consumati rapidamente perché il loro sapore vira subito all’amaro. Inoltre,  una volta puliti i carciofi non possono essere conservati a lungo perché tendono ad annerire.
I carciofi possono essere congelati, sia crudi, dopo averli puliti e immersi nell’acqua acidulata, sia precotti per 5-10 minuti in acqua bollente. Un consiglio: se optate per questa scelta, una volta cotti i carciofi, scolateli e lasciateli raffreddare, quindi disponeteli su un vassoio ben distanziati tra loro e metteteli a congelare. Solo in un secondo momento radunateli in un unico sacchetto, così eviterete che si congelino in un unico blocco poi difficilmente utilizzabile.

In Cucina
Il carciofo è un ingrediente in grado di impreziosire qualsiasi ricetta. Sono moltissimi i modi in cui può essere utilizzato in cucina: crudo, tagliato finemente e condito in insalata, oppure cotto, da solo oppure come base per moltissime ricette.
Per utilizzare i carciofi in cucina occorre eliminarne le foglie più esterne, la peluria interna  e le punte spinose, quindi lavarli sotto acqua corrente.

Vediamo nel dettaglio come procedere a pulire questo ortaggio:per prima cosa eliminate la punta del carciofo tagliando circa 2-3 cm di spine, quindi procedete sfogliando il carciofo ed eliminando le foglie più esterne e dure. Togliete quindi la parte più interna del carciofo, ovvero la “barba”. Durante questa operazione dovete considerare per quale ricetta state preparando i carciofi: se vi interessa mantenerli interi, aiutatevi con un cucchiaino con cui andrete a scavare il centro del carciofo, altimenti tagliatelo in quarti ed eliminate la parte centrale.
Man mano che avrete pulito i carciofi, metteteli in una ciotola con acqua fredda e succo di un limone, in questo modo eviterete che diventino neri.
Il gambo del carciofo può essere consumato, ma con alcune accortezze: eliminatene la parte finale più dura e raschiate via la sua superficie, in modo da togliere eventuali spine e conservare solamente la parte più tenera.

Se vengono poi stufati, sono utilizzabili sia come ripieno di torte salate, sia come sugo per condire la pasta.
La classica ricetta di carciofi alla romana, stufati e conditi in cottura con prezzemolo, olio, aglio e mentuccia è ormai conosciuta e apprezzata in tutta Italia. Non mancano le varianti: i carciofi trifolati, tagliati e cotti in padella con olio e uno spicchio d’aglio e conditi con prezzemolo e pepe sono altrettanto saporiti.  Gli sformatini di carciofi sono un’altra ottima ricetta con cui prepararli, magari accompagnati da una delicata crema al formaggio.
I carciofi sono un’ottima base per le torte salate, magari accompagnati a piselli e ricotta, oppure per una buona frittata.
Inoltre si prestano per essere utilizzati nella preparazione di risotti delicati o di sughi. Provate semplicemente a cuocerli a vapore, passarli in un mixer e utilizzarli per condire la pastasciutta: sono squisiti. I più golosi, infine, potranno provarli fitti in pastella.

Come lo cucino?! Conosci e impara a preparare le Carote

caroteConosciutissima e molto utilizzata sulle nostre tavole, la carota è un ortaggio davvero versatile in cucina e si presta a numerosissime preparazioni. Il suo gusto, che vira al dolce, mette generalmente tutti d’accordo e la rende un ortaggio molto gradito anche ai bambini. Sarebbe buona regola abituarli in da piccoli a sgranocchiare questa radice, magari sostituendola a una merendina. Le proprietà della carota, infatti, sono moltissime e qui proveremo a conoscere meglio questo ortaggio

Descrizione
La pianta della carota è caratterizzata da uno stelo erbaceo che esce dal terreno, con molti rametti e foglie simili a quelle del prezzemolo. La parte che generalmente viene utilizzata in cucina è rappresentata dalla radice, che si presenta di colore arancione accesso, anche se non mancano varietà di carote nere o gialle. Una curiosità: le carote di colore arancione, così come noi oggi le conosciamo, sono state selezionate da alcuni agronomi nei Paesi Bassi agli inizi del ‘700, in onore della famiglia allora regnante, gli Orange. La radice può avere diverse lunghezze e ha una consistenza croccante.

Proprietà
Un nome una garanzia! Da dove arriva il nome “carotenoidi”, straordinari antiossidanti base per il benessere e lo stare in forma, se non dalle carote? Questo straordinario ortaggio è un vero elisir per la salute.
Questa radice, infatti, grazie alla concentrazione di vitamine, sali minerali, carotenoidi e flavonoidi che possiede, è da sempre considerata un prezioso alleato contro i radicali liberi e la degenerazione cellulare; i suoi principi attivi aiutano occhi, il sistema immunitario e la pelle. Infatti favoriscono il ricambio cellulare della parte più superficiale del derma e ne consentono una buona idratazione. Mangiare carote è particolarmente utile per chi ha la pelle sensibile e disidratata o soffre di acne e pelle grassa.
Inoltre la radice della Carota ha la proprietà di attenuare le infiammazioni dello stomaco ed è un grande equilibratore della flora intestinale.

Conservazione
Perché una carota sia fresca, al momento dell’acquisto non deve presentare biforcazioni e il cuore, cioè la porzione centrale, deve essere più ridotto possibile. La polpa deve essere soda e croccante, di arancione intenso, più chiaro nel cuore.
In un sacchetto in frigorifero, le carote si conservano per diversi giorni giorni senza problemi. Addirittura, le carote si possono conservare anche per diversi mesi, se tenute a una temperatura di 0 °C ed un\’umidità relativa del 90-95%, mantenendo praticamente inalterate tutte le proprie caratteristiche organolettiche.

In cucina
Come tutti gli ortaggi, per sfruttare al meglio le potenzialità della carota, sarebbe bene consumarla cruda, senza togliere la buccia. E’ pure vero che la sua cottura non pregiudica l’utilità dei caroteni in essa contenuti, che sono resistenti al calore. Le carote, dunque, sono ottime quindi non solo crude in insalata, ma anche cotte come base per minestre, puré, contorni, ecc…

Sono davvero moltissimi i modi in cui la carota viene utilizzata in cucina.
E’ buonissima cruda, tagliata a julienne nelle insalate o a fiammifero in pinzimonio. Un piccolo suggerimento: evitate di fare passare troppo tempo tra il momento in cui le preparate e quello in cui le portate in tavola, perché le carte si ossidano molto facilmente all’esposizione di luce e aria e diventano più scure. Per mantenerne inalterati colore e vitamine è meglio condire subito le carote con un po’ d’olio d’oliva e limone.

Altro utilizzo diffusissimo delle carote sulla nostra tavola è come base per i soffritti, tritata finemente e unita a cipolla e sedano. Le carote sono ottime anche cotte, al vapore o in padella, magari lasciate cuocere dolcemente nel latte.
Inoltre, spesso completano le ricette di zuppe e minestre, in particolare abbinate ai legumi.

Ma non solo! Le carote possono essere usate anche per preparare dolci. La torta di carote è un’alternativa salutare rispetto a molti altri dolci perché non contiene il burro. Provatela, vi sorprenderà.

Come lo cucino?! Conosci e impara a preparare gli Spinaci

spinacio-la-meta_cr

Gli spinaci sono forse tra gli ortaggi più conosciuti, apprezzati e utilizzati in cucina. Sono infatti un alimento prezioso per la preparazione di ricette gustose, ma sono anche ottimi da consumare crudi in insalata, utilizzando gli spinaci ancora giovani, teneri e con le foglie lisce.

Caratteristiche
Gli spinaci appartengono alla stessa famiglia di bietole e barbabietole. Di questa pianta si consumano le foglie, spesse e di un intenso verde scuro. Hanno un sapore non particolarmente spiccato, ma fermandosi ad assaporarli si potrà sentire il sapore leggermente salato delle loro foglie. Sono moltissime le varietà disponibili e le caratteristiche estetiche possono variare a seconda della tipologia considerata.
Nell’immaginario comune questo ortaggio è spesso associato al personaggio di braccio di ferro, eh sì, perché il forzuto marinaio ha contribuito a far conoscere una delle caratteristiche degli spinaci, ovvero l’elevato contenuto di ferro. Verità o leggenda? Pare che il cartone sia stato ispirato da un refuso comparso in una tabella nutrizionale che indicava il contenuto di ferro presente negli spinaci: una virgola dimenticata e un valore ingigantito fuor di misura. Certamente è vero che in questa verdura è contenuto un buon quantitativo di ferro, ma non in quantità così elevata. Inoltre, il ferro contenuto negli spinaci viene trattenuto dall’organismo solamente in minima quantità, per questo è sempre consigliato associare il loro consumo ad alimenti che contengono acido ascorbico, come ad esempio il limone, che favorisce l’assimilazione del ferro vegetale.
In generale, gli spinaci sono un rimineralizzante di grande valore; hanno proprietà antianemiche, depurative e leggermente lassative, grazie alla cellulosa in essi contenuta.
Inoltre sono ricchi di rame, fosforo, zinco, calcio, potassio che insieme all’acido folico stimolano l’attività dei globuli rossi, del pancreas, del ricambio cellulare dell’epidermide.

Stagionalità
La produzione è concentrata nei mesi invernali, ma consumandoli in primavera si possono sfruttare tutte le proprietà degli spinaci: il sole e il caldo infatti fanno aumentare la concentrazione delle preziose sostanze antiossidanti in essi contenute.

Conservazione
Le piante fresche presentano foglie di color verde brillante e uniforme, senza macchie scure o ingiallite. Se presenti, i gambi devono essere forti e integri.
E’ sempre preferibile consumare gli spinaci freschi perché la conservazione fa loro perdere croccantezza e sapore, oltre che molte proprietà nutritive, ma questa verdura può essere conservata in frigo per 3 giorni chiusa in sacchetti di plastica, l’importante è che siano ben asciutti.
E’ sempre possibile congelare gli spinaci, dopo averli scottati in acqua non salata.

In Cucina
Partiamo dalla base, come pulire gli spinaci? La prima cosa da sapere è che è consigliabile lavare gli spinaci, solo poco prima della cottura. Quindi occorre eliminare i gambi più duri e passare le foglie sotto l’acqua corrente, cambiando più volte l’acqua in modo da eliminare tutti i possibili residui di terra, aiutandovi smuovendo man mano le foglie con le mani.
Molto diffusi e apprezzati, gli spinaci si preparano in svariate maniere: le foglie più giovani e tenere si possono consumare anche, in insalata, conditi con olio, sale e un po’ di limone.
Sono ottimi saltati in padella, lasciati soffriggere in un po’ di cipolla e conditi con una bella spolverata di parmigiano.
Inoltre sono una ottima base per torte salate e sformati, frittate, zuppe e minestroni.
Sono molto utilizzati anche per la preparazione di ripieni, spesso accostati alla ricotta, per cannelloni, ravioli, verdure ripiene, rotoli di carne farcita.
Non dimentichiamo, infine, che mescolandoli all’impasto di base, sono usati anche per produrre diversi tipi di pasta verde: lasagne, fusilli, paglia e fieno, ecc…

Come lo cucino?! Conosci e impara a preparare le Mele

mele_cr“Una mela al giorno leva il medico di torno”: senza retorica questo detto popolare descrive a pieno le potenzialità di questo straordinario e versatile frutto globale. E’ il frutto più destagionalizzato che esista (lo si trova tutto l’anno) grazie alla sua capacità di conservazione e alla specializzazione delle grandi cooperative nel miglioramento delle tecnologie di conservazione.

Descrizione
Poche le varietà presenti sul mercato: golden, renetta, fuji, granny smith, stark. Migliaia le varietà tradizionali, molte quasi scomparse di cui esistono testimonianza in tutto il territorio nazionale. Sgranocchiata pura e semplice, grattata per i bebé, frullata, trasformata in composte, succhi di frutta, strudel e torte di ogni genere. C’è da sbizzarrirsi!

Gusto
Leggermente acidula, molto aromatica, croccante e succosa, di buon tenore zuccherino ed acidità.

Stagionalità
Si conserva in maniera eccellente, perciò è disponibile in ogni periodo dell’anno

Conservazione

  • È importante tenere le mele in un luogo fresco, buio e con abbondante umidità. Una cantina ventilata è molto adatta. Se l’umidità è insufficiente, potete aumentarla mettendo recipienti d’acqua nel luogo dove conservate le mele.
  • Conservate solo frutta sana e senza danni. Le mele bacate, troppo mature o troppo grandi non possono essere conservate a lungo e devono essere separate durante la raccolta. Le mele senza picciolo devono essere mangiate presto, in quanto possono marcire rapidamente.
  • Controllate ogni settimana la frutta e togliete tutte le mele marce. La frutta marcia può “infettare” gli altri frutti. Questo avviene per le esalazioni di etilene, un gas incolore, che accelera la maturazione delle altre mele e, in alcuni casi, le fa marcire. Proprio per questo motivo, le mele non devono essere conservate insieme ad altra frutta e verdura.
  • Per impedire che le mele si secchino rapidamente, potete coprire le casse con fogli di plastica perforati. In alternativa, potete conservare le mele in sacchi di polietilene perforati, dato che l’esalazione di etilene viene ridotta dal sacco. In ogni caso, controllate regolarmente la frutta conservata per poter togliere subito le mele marce.

Suggerimenti
Va mangiata cruda, con o senza la buccia, come completamento o sostituto occasionale al pasto. Ottima anche per la preparazione di macedonie e fantasie di frutta.

Prodotti associati:

SUCCO DI MELA
Il succo di mela secondo una recente indagine è una bevanda importantissima tanto quanto il suo frutto: sembra infatti che il succo di mela sia un potente antidepressivo, che svolga un’azione sedativa e prevenga gli attacchi d’ansia e di agitazione.

Ma oltre a queste virtù terapeutiche del succo di mela c’è di più. Un bicchiere di succo di mela al giorno allontanerebbe il rischio di demenza senile, proprio come una mela la giorno, dice il detto, leva il medico di torno.

Il succo di mela, come l’aceto di mele e le mele stesse è una bomba di vitamine del gruppo B: per questo motivo, allontana lo stress e le sue conseguenze, facilita la digestione, protegge le pareti intestinali, rinforza le difese immunitarie favorendo, tra l’altro, il benessere di capelli e unghie e stabilizza la glicemia e la colesterolemia nel sangue.

In cucina:
Questo prodotto può essere usato per ogni pasto della nostra giornata:
dalla colazione, in quanto è un frutto molto nutriente che dona senso di sazietà, ai primi piatti, in quanto accostabile con molte pietanze e così anche per secondi piatti a base di carne o nelle grandi insalate in cui la mela dona un sapore fresco.

Ma la mela è soprattutto conosciuta nei dolci: torte di mele, biscotti, mele cotte e zuccherate, mele caramellate, dato la vicinanza con il carnevale, frittelle e frittelline di mele!!

Perché allora non approfittarne in cucina in questo weekend e sperimentare la miriade di opzioni di ricette con la mela?!  🙂

Come lo cucino?! Conosci e impara a preparare il Cicorino

foto-cicorino-Questa settimana ha fatto il suo ingresso tra le verdure inserite all’interno della cassetta il cicorino. Proviamo insieme a conoscerlo!

Caratteristiche
Il cicorino, così come dice il nome, è una pianta che appartiene alla grande famiglia delle cicorie. Si presenta a piccoli mazzetti, con una sola radice da cui si diramano, a rosa, foglie tonde e carnose che possono essere verdi, rosse oppure variegate a seconda della qualità.
Il gusto è particolare, tendente all’ amaragnolo, leggermente pungente.
Questa sua caratteristica è data dalla presenza dell’intibina, che gli dà caratteristiche benefiche per il fegato.  Il cicorino, inoltre, come tutte le cicorie, ha proprietà digestive, diuretiche e disintossicanti.

Stagionalità
Il cicorino cresce da febbraio a primavera.

Conservazione
L’insalata, perché sia fresca, non deve presentare foglie giallastre. Se ben conservata l’insalata mantiene foglie tenere e croccanti, esenti da ammaccature e marciumi.
Il cicorino si conserva in frigorifero per 2-3 giorni, preferibilmente già lavato e asciugato con cura, chiuso nei sacchetti per ortaggi e nell’apposito scomparto.

In cucina
Il cicorino è consumato prevalentemente fresco, in insalata. Per preparalo occorre semplicemente eliminare la radice e passarlo in acqua corrente per sciacquarlo. Le foglie, poi, possono essere tagliate a piacere, a seconda della grandezza desiderata.
Il suo gusto vagamente amaro si sposa benissimo con il sapore dell’uovo sodo, a cui spesso viene accompagnato. O ancora, il cicorino è ottimo se mischiato ad altre verdure, come le carote.
Un tocco in più può essere quello di abbinarlo in insalata alla frutta, creando così un mix di vitamine davvero benefico. Un esempio? Cicorino, mele a dadini e noci o mandorle è un abbinamento davvero squisito.
Sulle insalate con protagonista questo ortaggio potete davvero sbizzarrirvi negli abbinamenti! Provate a servirlo con un’emulsione di gorgonzola, olio e aceto balsamico, accompagnato da crostini di pane tostato.
Un consiglio: la particolare consistenza delle sue foglie fa sì che il cicorino possa essere condito anche con qualche minuto di anticipo senza che il condimento lo intrida eccessivamente.
Se invece, volete provarlo in versione “cotta”, non mancano certo le possibilità: primo, secondo e contorno, il pranzo a base di cicorino è servito!
Quanto al primo piatto, il cicorino può fare da condimento per insolite pastasciutte, come le tagliatelle condite con cicorino soffritto insieme alla salsiccia, oppure, in un a versione vegetariana, con cicorino soffritto insieme a aglio e peperoncino e unito a pomodorini freschi.
Il secondo? E’ presto fatto. Questa verdura può essere utilizzata per farcire la carne, in particolare il pollo. Il cicorino, infatti, può essere fatto insaporire con un soffritto di cipolla a cui andrà unito, per la preparazione del ripieno, 1/2 tazza di ricotta, 1/2 tazza di parmigiano, 2 foglie di basilico tritate e pepe nero.
Infine, come promesso, un contorno: il cicorino è molto buono semplicemente ripassato in padella, con un soffritto di aglio e cipolla per insaporirlo. In pochi minuti otterrete un salutare e genuino contorno, ottimo da unire a altri ortaggi di stagione (coste, ebette e spinaci) per preparare squisite torte salate.

Come lo cucino?! Conosci e impara a preparare i Finocchi

Campo finochi_crCroccante e profumato, il finocchio è un ortaggio che generalmente mette d’accordo i gusti di tutti, grandi e piccini ed è forse una delle verdure maggiormente presente sulle nostre tavole. Ortaggio apparentemente di poche pretese, facile da cucinare, il finocchio ha numerose proprietà che ne rendono il consumo irrinunciabile.

Caratteristiche
Descriverlo è superfluo in quanto conosciuto da tutti, se non nel gusto, almeno nell’aspetto. Qualche parola di più può essere spesa sul suo sapore: molto aromatico, ricorda vagamente l’anice. L’aroma peculiare del finocchio, infatti, si deve alla consistente presenza di anetolo, un’essenza che viene adoperata per la preparazione di liquori quali la sambuca, il pastis e l’anisette in Francia o l’anis in Spagna.

Perché un finocchio sia fresco, deve presentare un “grumolo”, che altro non è che l’insieme delle sue guaine fogliari, carnoso, sodo, compatto e croccante. Le barbe verdi devono invece essere verde brillanti e fresche.

Privo di lipidi e di amidi, ricco di oli essenziali, di fibre e di liquidi, è utile nelle diete dimagranti. Ha una valida azione digestiva. Inoltre è indicato per le donne che allattano in quanto conferisce al latte materno un sapore dolce e gradito ai neonati.

Stagionalità
Il finocchio può essere consumato durante quasi tutto l’anno, indicativamente da ottobre a maggio.

Conservazione
Per conservarli al meglio, occorre eliminare le costole verdi più grosse e riporli in frigo in sacchetti di plastica cui praticherete dei piccoli fori. In questo modo si possono conservare per una decina di giorni, senza che perdano sapore. Potete anche surgelarli, dopo averli ridotti in spicchi e sbollentati, lasciandoli coperti con l’acqua di cottura.

finocchi

In Cucina
Questa pianta viene usata in cucina in virtù della sua capacità di conferire, grazie agli oli essenziali che essa contiene, sapori e odori molto aromatici alle pietanze.
Una curiosità: il verbo “infinocchiare”, sinonimo di “imbrogliare” e “raggirare”, deriva proprio da questa sua caratteristica: anticamente, i cantinieri erano soliti insaporire il vino più scadente con i semi di finocchio, celando in questo modo al cliente la modesta qualità del prodotto venduto.

Le modalità di consumo di questo ortaggio sono davvero molto varie: crudo (in pinzimonio o in insalata), lessato e condito, fritto, alla parmigiana o ricoperto di salsa besciamella.

Un piccolo consiglio: i finocchi più adatti per le insalate sono quelli tondi e croccanti, mentre quelli di forma allungata sono migliori cucinati.

A noi piacciono moltissimo in pinzimonio, conditi semplicemente con un’emulsione di olio e aceto balsamico. Ottimi in insalata, abbinati a un buon radicchio amaro, a carote fresche grattugiate e a una mela dolce tagliata a dadini.

O ancora, i finocchi sono una base squisita per la classica ricetta siciliana della ricetta dell’insalata di arance: tagliati finemente e uniti a succosi spicchi di arancia a pezzetti e aggiungendo, a piacere, uvette, pinoli, semi di zucca oppure olive.

Sono però squisiti anche cotti, semplicemente cucinati in padella con un po’ d’olio e conditi con una bella manciata di parmigiano, oppure gratinati al forno, magari cosparsi di pangrattato e parmigiano.
Una versione ancora più golosa dei finocchi gratinati è la ricetta che prevede vengano cosparsi di morbida besciamella e fatti gratinare in forno per circa 15 minuti a 180°.